Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Mara Maionchi: il suo rapporto con gli altri e la sua idea sul “tradimento”.

Pubblicità

Mara Maionchi è uno dei volti più noti della televisione italiana da oltre dieci anni. Non c’è talent show dedicato alla musica di cui non sia stata giudice/insegnante. Primi fra tutti “Amici” di Maria De Filippi ed “X Factor”. Lo scorso il 10 giugno è stata anche confermata giudice per la terza edizione consecutiva del programma.

Inoltre è stata concorrente di programmi come MasterChef Italia dedicato ai vip. Può vantare un paio di esperienze come attrice al cinema e in televisione, e ha prestato la propria voce a “Mamma Coco” nel film di animazione “Coco” (2017). Insomma ha una carriera nel mondo dello spettacolo che si può definire praticamente completa.

Pubblicità

Nata a Bologna il 22 aprile di 78 anni fa, Mara Maionchi si è fatta amare dal pubblico giovane ma anche meno giovane per la sua simpatia, schiettezza e spontaneità. Le stesse che la portano a dare giudizi netti, persino a non lesinare affatto parolacce, quando “serve”. Su di lei circolano addirittura link di bonaria presa in giro su Facebook.

Tuttavia Mara ha anche sottolineato in un’intervista l’importanza di non dare “consigli sbagliati” ai ragazzi che vogliono sfondare nel mondo della musica, perché “ci vuole rispetto”.

Con la schiettezza che la contraddistingue, ha dichiarato in qualche intervista di aver avuto “culo” nella vita (sic!). Però, ha aggiunto “era un momento storico particolarmente propizio”. Ha anche detto che a scuola era “un vero somaro” e che il padre le diede un aut aut: “O si fa seriamente o si va a lavorare!” (cosa che lei ha fatto, come vedremo tra poco). “Nella vita avrei desiderato essere un’intellettuale, invece – ha ammesso – ho una cultura un po’ da casalinga“.

Così Mara si rapporta agli altri, fans compresi: con sincerità (assoluta!). Come ha fatto quando, in qualche intervista, le è stato chiesto del suo matrimonio; un matrimonio che dura ormai da 43 anni con il collega e paroliere Alberto Salerno. Di lui, ha dichiarato: “Mio marito ha avuto qualche ‘fidanzamento’ anche dopo il matrimonio, ma chi se ne frega. Non sono queste le cose che contano, e poi la carne è debole!”. Ciò non toglie che, prima di perdonarlo, gli abbia fatto “un culo come un paniere!” (sempre parole sue).

A fare “le cose sul serio”, la futura discografica, talent scout e conduttrice radiofonica ha cominciato dopo aver lasciato la scuola. Ha cercato sui giornali gli annunci di lavoro, trovandolo inizialmente in una dita di spedizioni (ma non sapeva l’inglese!).

Poi ha raggiunto sua sorella che si era trasferita a Milano e ha continuato a cercare lavoro guardando gli annunci (l’ha trovato prima in un’azienda di prodotti antiparassitari e poi di sistemi antincendio). Fino ad imbattersi, nel 1967, in uno del “Corriere” per una segretaria alla casa discografica Ariston Records.

Pubblicità

Lì conosce, oltre al futuro marito e ad altri personaggi, Mogol e Battisti. Questi nel 1969, fondano l’etichetta discografica “Numero Uno” e chiamano Mara a lavorare come addetta stampa.

In seguito lavorerà per la Dischi Ricordi e la Fonit Cetra, fino ad arrivare ai suoi vertici come direttrice artistica. Successivamente fonderà con il marito la casa discografica Nisa. La chiamano con il nome d’arte del paroliere, disegnatore e compositore Nicola Salerno, padre di Alberto.

Mara Maionchi, nel 2006, crea con quest’ultimo una nuova casa discografica indipendente. Lo scopo è quello di scoprire e lanciare nuovi talenti. L’etichetta viene chiamata Non ho l’età, ovviamente in omaggio all’eccezionale successo sanremese di Gigliola Cinquetti.

Molti i grandissimi nomi della musica con cui Mara Maionchi ha lavorato nella sua lunga carriera: prima di Mogol e Battisti, Ornella Vanoni e Mino Reitano (tra gli altri). In seguito scoprirà Gianna Nannini (1975) e lavorerà con Eduardo De Crescenzo, Mia Martini e Fabrizio De André.

Nel 2008 arriva l’esordio ad X Factor. Lo stesso programma in cui, con la sua squadra, è favorita per la vittoria finale di quest’ultima edizione.


Potrebbe interessarti anche...