Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Una mamma, il maschio e la femmina: 2 sfumature dello stesso amore

Pubblicità

Come si declina, nel cuore di una mamma l’amore per un maschio? Come si palesa quello per una femmina? Sono due tanto leggere, quanto evidenti sfumature di un sentimento unico e potente, infinito ed assoluto: uno più mentale, l’altro più fisico.

La femmina e la sua mamma

Pubblicità

Una bambina viene al mondo senza quasi disturbare, in punta di piedi, sembra scendere da una nuvola rosa, avvolta di delicatezza.

Una donna in attesa di una femmina, si immagina alle prese quasi con una bambola da rivestire di merletti e pizzi, si proietta amica e complice, vede un futuro di collaborazione e confidenze. Quando nasce, percorre con un dito quei lineamenti delicati, accarezza la pelle di porcellana con pudore, quasi incredula di tanta meraviglia.

Ma ciò che la colpisce di più è la sua capacità di mettersi in relazione mentale, cerebrale con lei. Un dialogo fatto di sguardi che raccontano emozioni, fin dai primissimi giorni. Un sottile legame tutto femminile le unisce, in un rapporto che fa perdere letteralmente la testa alla neo-mamma.

È solo il preludio di un’intesa che, se ben gestita ed alimentata, è destinata a crescere e a consolidarsi, attraverso un dialogo profondo e formativo per entrambe. Una bambina è una sfida educativa, in grado di lanciare un ponte verso il futuro per formare donne consapevoli della loro femminilità, del loro ruolo e delle loro potenzialità… ed è una scommessa su cui puntare fin da subito, proprio all’interno delle mura domestiche.

Il maschio

la mamma di un maschio

Fin dalla gestazione, un bambino è un vero tornado: si muove continuamente, scalcia, cerca i suoi spazi, è pura energia che si sprigiona nel ventre materno.

Pubblicità

Una donna si vede già pronta a rincorrerlo ovunque, dietro ad una palla, a cavallo di una bicicletta. Se lo immagina pur vestito da piccolo Lord, capace di scatenarsi in una corsa a perdifiato: l’eleganza non influisce minimamente sulla necessità di sfogare la sua natura di Attila in miniatura.

Seppure così profondamente differente dall’etereo amore e dall’intrinseca affinità per la femmina, il cuore di una mamma viene trafitto da una passione assoluta e carnale per quell’esserino così tanto diverso da lei. Il maschio è pura attrazione, desiderio continuo di contatto fisico, di abbracci e baci dati con trasporto, di coccole e rotolamenti, di buffetti e strizzatine alle guance.

È il principe che ci proietta nei nostri sogni, è un mix di dolcezza e vitalità: con lui si costituisce un legame che parte dalla pancia, lo si sente nelle viscere, ci appartiene in maniera ancestrale. A noi il compito di farne un adulto quasi perfetto, di insegnargli diritti e doveri, di educarlo al rispetto, per poi consegnarlo al mondo fiere di aver formato finalmente un uomo vero!


Potrebbe interessarti anche...