17 alimenti prodotti in Cina che non dovresti mai consumare

La Cina è il primo esportatore al mondo di prodotti alimentari. Questo paese utilizza metodi e tecniche innovatrici per velocizzare la produzione e l’esportazione all’estero al prezzo più basso possibile.

Cattura

Allo stesso tempo, il più grande paese asiatico è noto per la produzione di prodotti (alimentari e non) potenzialmente tossici, che tuttavia possiamo trovare anche in Italia all’interno dei supermercati e dei negozi.

Segue una lista degli alimenti pericolosi importati dalla Cina, che consigliamo vivamente di evitare.

Succo di mela

aliments fabriqués en Chine que vous ne devez jamais consommer

Nel 2011 è stato scoperto negli Stati Uniti che il succo di mela proveniente dalla Cina conteneva al suo interno un’elevata quantità di arsenico. La notizia è stata confermata dalla rivista Consumer Reports, che ha condotto una ricerca in tale ambito.

Sale industriale

La Cina è il più grande produttore al mondo di sale. Alcuni studi hanno rivelato che il sale prodotto dall’industria cinese presenta diverse impurità e contiene il 90% di sostanze nocive.

Merluzzo

Gli allevamenti di merluzzi in Cina sono molto diffusi. Questi pesci nuotano in acque colme di rifiuti e sostanze tossiche, che ingoiano e assorbono prima di finire nelle nostre pance.

Pollo

La Cina è tristemente nota per l’influenza aviaria e le malattie legate a polli e volatili di allevamento. Purtroppo, anche in questo caso si tratta di uno dei maggiori esportatori al mondo.

Aglio

I campi di coltivazione dell’aglio in Cina vengono cosparsi con alcuni prodotti chimici molto pericolosi per l’organismo umano e per la natura. Inoltre lasciano un retrogusto sgradevole.

Funghi

I funghi sono molto delicati, ma in Cina vengono prodotti per il mercato dell’export. Ciò vuol dire che per mantenere un aspetto accettabile è necessario utilizzare un’alta quantità di conservanti.

Piselli e fagioli

Il quotidiano China Daily ha riportato che nel 2010 sono stati ritrovati in alcune fabbriche della provincia di Hunan enormi quantità di piselli e fagioli artificiali pronti ad essere esportati.

LEGGI ANCHE:  Emorroidi: sintomi, cause scatenanti e cura

Pepe

Il pepe commercializzato dalla Cina talvolta non è altro che un miscuglio di polveri che nulla hanno a che fare con il pepe naturale, ma che tuttavia ne vantano l’aroma.

Spaghetti

Bisogna stare attenti anche agli spaghetti provenienti dalla Cina. In diverse fabbriche della provincia di Guangdong sono state rinvenute enormi quantità di spaghetti “falsi”, prodotti con farina di mais, coloranti industriali e paraffina.

Salsa di soia

L’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) rivela che questo prodotto è da classificare come cancerogeno. La salsa di soia proveniente dalla Cina contiene una sostanza che, testata sui ratti, è risultata altamente cancerogena.

Tofu

Questo prodotto di origine cinese è ottenuto dalla cagliata del latte di soglia. Fin qui tutto bene, ma in Cina per velocizzare i tempi le fabbriche utilizzano escrementi e solfato di ferro.

Zenzero

Il pesticida Aldicarb può essere utilizzato esclusivamente su cotone, arachidi, rose e patate dolce. È quanto stabilito dalla legge europea e americana, tuttavia non dalla Cina, che utilizza lo stesso pesticida sulle coltivazioni di zenzero.

Alimenti in scatola

Diverse indagini sugli alimenti in scatola provenienti dalla Cina hanno dimostrato che questi contengono il doppio della quantità di piombo autorizzata.

Spinaci surgelati

Anche per gli spinaci è stata riscontrata una quantità fin troppo elevata di pesticidi.

I gamberi

Per far sopravvivere i gamberi negli allevamenti, in Cina vengono utilizzati degli antibiotici e prodotti chimici non autorizzati nel resto del mondo.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...