5 sostituti del sale: come proteggere la salute senza rinunciare al gusto

5 sostituti del sale: come proteggere la salute senza rinunciare al gusto.

In antichità il sale era talmente importante che ai soldati ne veniva corrisposto un certo ammontare come integrazione del loro soldo. È per questo che ancora oggi la paga che viene riconosciuta a un lavoratore dipendente viene anche indicata come “salario”.

Il sale è onnipresente nella nostra vita quotidiana. Ne mettiamo un pugno nell’acqua della pasta, un pizzico nel sugo, un cucchiaino nell’impasto della pizza e “quanto basta” nelle torte salate.

5 sostituti del sale: come proteggere la salute senza rinunciare al gusto

Per quanto fondamentale per la nostra salute, se ne consumiamo troppo, sappiamo che può farci male. Se si supera la dose giornaliera consigliata (sui quattro grammi), c’è il rischio di andare incontro a ritenzione idrica e a un aumento patologico della pressione arteriosa, come anche di patire delle infiammazioni a carattere autoimmune.

Se vogliamo evitare queste pericolose condizioni, può essere una scelta sensata eliminare il sale e sostituirlo con qualche latro prodotto. Certo, ma quale?

Ebbene, là fuori ci sono diversi buoni succedanei del sale. Qui di seguito te ne illustriamo cinque che puoi mettere anche sulla pasta.

Uno. Il mazzetto aromatico

Scordati la presa di sale grosso e nell’acqua bollente tuffa il mazzetto aromatico. Puoi scegliere la combinazione che preferisci, ma una che di solito va bene a tutti è quella di sedano, prezzemolo, finocchio, timo e maggiorana.

Metti tutti gli odori dentro a un sacchetto di tulle e poi lo ammolli nell’acqua della pasta. È da togliere a fine cottura, prima di scolare.

Due. Il sale di sedano

LEGGI ANCHE:  Tinta capelli: il colore rivela aspetti profondi della personalità! Curiose?

Si prepara coi gambi di sedano cotti al forno e poi macinati col mixer di cucina. Per 100 grammi di sale ci vogliono all’incirca cinque coste di sedano.

Tre. Il lievito alimentare

Lo preferiscono i vegani e si può trovare (forse con qualche difficoltà) nei negozi specializzati nel biologico.

Si ricava dal lievito di birra è ha un sapore paragonabile a quello del formaggio grattugiato. Si può considerare come un vero e proprio integratore: è ricco infatti di vitamina B, fibre e ferro.

Quattro. Il gomasio

Viene dal Giappone e lo puoi trovare nei supermercati, ma si può anche fare in casa. Basta mettere insieme semi di sesamo tostati e un po’ di sale marino integrale. Lo puoi adoperare per diminuire progressivamente il sale e passare a una cucina del tutto priva di sale (a parte quello contenuto naturalmente nei cibi).

Cinque. La salsa di soia

È molto sapida e aiuta le verdure a caramellare, dando loro un sapore davvero stuzzicante. Può andare bene anche per condire le insalate.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...