6 alternative naturali alla candeggina

6 alternative naturali alla candeggina.

Tutti quanti conosciamo la candeggina e spesso ci dimentichiamo l’impatto che può avere sulla salute e sull’ambiente. Chimicamente la candeggina è ipoclorito di sodio diluito in acqua. La si adopera sia per il bucato che per le pulizie di casa.

Il suo uso non è immune da rischi. La candeggina infatti può essere corrosiva e può causare delle irritazioni. Inoltre mischiata con altri detergenti può liberare dei gas che possono risultare tossici sia per noi che per i nostri animali domestici.

Può essere quindi una buona idea trovare delle alternative naturali meno potenzialmente dannose per noi per l’ambiente.

6 alternative naturali alla candeggina

Il percarbonato di sodio

È una polvere bianca che non va confusa col perborato di sodio, che veniva usato tanti anni fa e che poteva risultare estremamente tossico.

Agisce alle alte temperature ed è ottimo per sbiancare i panni senza fare ricorso alla candeggina. La temperatura ideale sarebbe sui 50 gradi, ma già dai 30 si dimostra piuttosto efficace. Si può usare sia a mano che in lavatrice e va bene sia per i bianchi che per i colorati.

L’acqua ossigenata

In genere si adopera per disinfettare ustioni e ferite. La si trova in varie concentrazioni. Per l’uso casalingo la possiamo trovare diluita al tre e al 3,6 per cento. A questa diluizione non è tossica e ci possiamo benissimo sostituire la candeggina per rimuovere le macchie e pulire i nostri capi.

L’aceto

Qui parliamo del rimedio della nonna per eccellenza. L’aceto si presta a molti usi e per il bucato può svolgere una funzione anti-calcare e sbiancante.

Può restituire ai capi il candore perduto, eliminare le macchie e cancellare gli aloni di sudore.

LEGGI ANCHE:  Scrub viso: le migliori soluzioni naturali

Se versi in una bacinella d’acqua un paio di bicchieri di aceto bianco e ci metti i panni in ammollo per qualche ora, l’aceto farà anche da ammorbidente.

Il limone

Ha un ottimo profumo ma non solo, è anche sgrassante e antibatterico. È ottimo per pulire gli utensili di cucina, come per esempio coltelli e taglieri.

Per pulire e mandare via cattivi odori dalle superfici, lo puoi spruzzare con una bottiglia munita di nebulizzatore. Basta il succo di un limone diluito in acqua demineralizzata.

Il bicarbonato

Ha proprietà assorbenti e può impedire la proliferazione batterica. Non solo: ravviva anche il bianco dei panni. Si può adoperare sia per il bucato a mano che per quello in lavatrice.

Una mezza tazza di bicarbonato a ogni lavaggio basta a fare la differenza.

L’olio della pianta del tè

Può esercitare una notevole azione anti-micotica e fungicida. Il modo ideale di usarlo è come detergente spray. Basta versarne una quindicina di gocce in un mezzo litro do acqua demineralizzata.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...