Acconciature stravaganti: Questa bimba affetta da alopecia partecipa partecipa ad una gara di hair style e vince.

Nelle scuole americane i programmi scolastici sono piuttosto elastici, dato che in quel Paese non c’è un curriculum nazionale e ogni Stato e ogni scuola fanno un po’ come gli pare.

Le attività di studio e quelle di svago sono quindi molto varie e talvolta anche molto fantasiose. Nella scuola che frequenta la piccola Gianessa Wride, per esempio, c’è un giorno dedicato a premiare la migliore acconciatura stravagante.

Nel caso di Gianessa, però, c’era un problema. La piccola, che ha solo sette anni, da un po’ di tempo è rimasta senza capelli. La cosa è cominciata dopo la morte della nonna, un evento che come capirete l’ha molto colpita, anche se non è sicuro che tra le due cose ci sia un legame di causa ed effetto.

Ad ogni modo, il fatto è che Gianessa è completamente calva. Capirete come per la bambina il “Crazy Hair Day” (così si chiama la competizione organizzata dalla sua scuola per premiare l’acconciatura più pazza) fosse diventato un appuntamento da incubo.

Solo che Gianessa non aveva fatto i conti con l’amore di sua mamma Daniella, che si è messa a rimuginare su come potesse rendere quel giorno meno stressante e pauroso per la sua piccola.

A un certo punto l’idea le è venuta quasi naturalmente: se non c’erano capelli da acconciare, perché non “acconciare” la testa della sua bambina?

Detto, fatto. Daniella ha chiamato da parte sua figlia e le ha comunicato come avrebbero risolto il loro problema: decorandone la testolina con strass, adesivi colorati e gioielli.

Una grande idea per una grande mamma. E anche un’idea vincente, perché l’originalità di questa insolita “acconciatura” ha catturato l’attenzione di tutti, a scuola, e ha avuto molto successo.

LEGGI ANCHE:  Santo del Giorno 25 Marzo: Annunciazione del Signore

La morale della “favola” è: mai vergognarsi del proprio aspetto.

La bellezza è solo una convenzione e le persone sono tutte degne di rispetto, quindi forza e coraggio…

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...