Aglio germogliato? Non gettarlo via mai più, ti spiego il perché!

aglio germogliato non gettarlo via AdobeStock 188598458

Aglio germogliato? Non gettarlo via mai più, ecco il perché!

Chiunque si occupi della gestione della cucina in casa tiene sempre a mente alcune regole che ci impediscono di consumare cibi potenzialmente dannosi per la salute. Il controllo delle scadenze, la giusta conservazione dei cibi e il grado di maturazione di frutta e verdura sono solo alcune di queste regole.

aglio germogliato non gettarlo via AdobeStock 188598458

Oggi ci occupiamo di una in particolare, la germinazione dell’aglio. Dalla notte dei tempi ci hanno insegnato che quando l’aglio comincia a germogliare è meglio buttarlo. Questo perché perde le sue proprietà e ne acquista altre non esattamente salutari. Ebbene uno studio, ha dimostrato che tutto ciò non è vero, anzi l’aglio germogliato è molto più salutare di quello al giusto grado di maturazione.

Perché l’aglio germogliato fa bene alla salute

Nel momento in cui l’aglio comincia a germogliare gli etanoli in esso contenuti, producono degli enzimi in grado di proteggere le giovane pianta. Questo aumenta le sue capacità antiossidanti. Se assunto protegge il nostro organismo dai radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare. In aggiunta in questa fase di maturazione, aumentano le proprietà antibatteriche della pianta. A tutto vantaggio del nostro sistema immunitario..

In fine l’aglio germogliato, ha una forte capacità di proteggere le vene e le arterie dall’indurimento riducendo anche il rischio di ictus.

Come far germogliare l’aglio

Dopo aver appreso tutto ciò è chiaro che non solo non dovremmo buttare l’aglio in fase di germogliazione ma, anzi, dovremo assumerlo proprio in questo momento. Certo è che deve germogliare nel modo corretto, altrimenti rischiamo che marcisca. Per farlo, dobbiamo conservarlo in un luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore. Una buona idea è quello di tenerlo appeso in una veranda dove battano i raggi del sole ma munita di una buona areazione. La cosa migliore sarebbe quella di acquistarlo confezionato con le tipiche trecce, queste assorbono l’umidità proteggendo l’aglio e mantenendone il giusto grado di umidità. Se non abbiamo spazio per conservare un’intera treccia d’aglio o semplicemente non riusciamo a trovarla, possiamo comunque appenderlo all’interno delle retine in cui viene venduto.

LEGGI ANCHE:  Vecchie grucce di plastica? Ecco come trasformarle in modo geniale!

Finalmente non butteremo più l’aglio acquistato, possiamo consumarlo in tutte le sue fasi di maturazione. Non solo con estrema serenità ma con la consapevolezza che stiamo facendo del bene al nostro corpo!

 

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...