Arriva il bonus baby sitter 2018 da 600 euro: requisiti domanda Inps e durata

La legge di bilancio approvata recentemente ha sancito la proroga del cosiddetto “bonus babysitting” o “bonus baby sitter”. Tale agevolazione prevede l’assegnazione di un voucher mensile del valore di 600 euro – per un periodo di sei mesi – che potrà essere impiegato per coprire i costi della baby sitter o per il pagamento dell’asilo nido.

Al bonus possono accedere le donne che, terminato il congedo di maternità, decidono di tornare al lavoro e dunque di non usufruire del congedo parentale.

Requisiti per il bambino:

Iscrizione all’asilo nido (pubblico o privato)
Data di nascita successiva al 1 gennaio 2016
Prova di pagamento della retta dell’asilo nido

Requisiti per la mamma:

Rinuncia al congedo parentale
Essere lavoratrice (dipendente o libero professionista)
Presentazione domanda entro 11 mesi dalla fine del congedo di maternità

Le modalità per presentare la domanda sono due:

1) Via telematica (online) sul sito dell’INPS, se si è in possesso delle credenziali di accesso.
2) Rivolgendosi ad un CAF o Patronato, che faranno da intermediari compilando ed inviando la domanda per conto del genitore.

Il bonus baby sitter 2018 è un’importante agevolazione che aiuta le donne ad accordare i due ruoli fondamentali che svolgono nella società, quello di madri e di lavoratrici che contribuiscono attivamente al progresso e al benessere del paese.

Oltre al bonus baby sitter sono state confermate ulteriori misure che vanno nella stessa direzione, aiutando le famiglie con figli. Tra queste agevolazioni compaiono:

1) Il bonus bebè, con requisiti simili al precedente, da 80 fino a 160 euro.
2) Bonus asilo nido da 1000 euro a figlio.
3) Bonus nascite, alle mamme al settimo mese di gravidanza.
4) Accesso al credito agevolato per famiglie con uno o più figli.
5) Congedo obbligatorio di 4 giorni per il padre del neonato.

LEGGI ANCHE:  Oroscopo di Paolo Fox di oggi 13 giugno 2020

Si può avere diritto a diversi di questi bonus (l’uno non esclude l’altro), per cui si consiglia vivamente di informarsi e procedere alle richieste.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...