Bucce delle nocciole: non le butterai mai più con questi due usi straordinari

Bucce delle nocciole: ecco come riciclarle in modo utile.

Con l’arrivo della stagione invernale, si affacciano sulle nostre tavole molte varietà di frutta secca. La loro consistenza croccante, accompagna spesso le nostre serate con gli amici, il rumore dei loro gusci che si spezzano rallegrano persino le chiacchierate.

La frutta secca, inoltre, è un ottimo alimento dal punto di vista nutrizionale e si presta ad essere assunto anche come spuntino, una manciata di mandorle, noci o nocciole ci fanno arrivare al pasto successivo non troppo affamati, senza, però, appesantirci.

Tutto perfetto allora? Insomma, dopo una bella serata riempire sacchi interi di gusci non è esattamente quello che vorremo fare.

Abbiamo trovato due modi per riciclare i gusci delle nocciole, talmente furbi che costringeremo tutti i nostri amici a mangiarne a volontà!!!

Usare le bucce delle nocciole come combustibile

Abbiamo letto proprio bene, la composizioni dei gusci di questo tipo di frutta secca è perfetto per essere bruciato dentro ad una stufa a legna o ad un camino, non facciamolo con le stufe a pellet, rischieremo di rovinarle. La loro combustione è molto lenta, quindi, prima di bruciare, impiegano molto tempo e forniscono molto calore. Buttandoli dentro al camino risparmieremo in legna. Inoltre, essendo un prodotto del tutto naturale, non dovremmo preoccuparci che sprigioni fumi tossici.

Certo se pensassimo di scaldare tutta la casa con le bucce delle nocciole, dovremmo raccogliere tutti quelli della città, ma anche un piccolo risparmio non ci dispiacerà e se non altro butteremo via molta meno spazzatura.

La pacciamatura con le bucce di nocciole

Il termine pacciamatura indica il processo con cui si proteggono le radici dal freddo.

LEGGI ANCHE:  Idee all'uncinetto per Pasqua: 18 idee semplicissime da fare!

Molte piante temono le temperatura rigide, se le loro radici non vengono protette a dovere durante l’inverno potrebbero morire.

Normalmente questa operazione viene fatta dall’uomo con corteccia o grossi trucioli e dalla natura con le foglie secche. Noi, invece, potremo farla proprio con le bucce di nocciole, basterà metterli l’uno accanto all’altro sopra alla terra, possiamo fare anche più strati. La loro composizione proteggerà le radici dal freddo, essendo poco porose non diventeranno “mollicce”, come potrebbe succedere con altri elementi. Con il tempo, inoltre, consumandosi, concimeranno la terra rendendo bellissime e rigogliose le nostre piante.

Questo inverno, noccioline per tutti, staremo al caldo e circondati da splendide piante!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...