Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Chi vive da solo è più probabile che soffra di disturbi mentali, lo rivela uno studio

Pubblicità

La percentuale di persone che vivono da sole è aumentata negli ultimi anni a causa dell’invecchiamento della popolazione, della diminuzione dei tassi di matrimonio e della diminuzione della fertilità.

Precedenti studi hanno studiato la relazione tra vivere da soli e disturbi mentali, ma in generale sono stati effettuati in popolazioni anziane e non sono generalizzabili a giovani adulti.

Uno studio pubblicato sulla rivista PLOS ONE indica che vivere da soli è associato a disturbi mentali comuni, indipendentemente dall’età e dal sesso. La ricerca è opera di Louis Jacob, dell’Università di Versailles Saint-Quentin-en-Yvelines (Francia) e colleghi. Nel nuovo lavoro, gli autori hanno utilizzato i dati di 20.500 persone di età compresa tra 16 e 64 anni che vivevano in Inghilterra che hanno partecipato al National Psychiatric Morbidity Surveys del 1993, 2000 o 2007.

Pubblicità

Se una persona aveva un disturbo mentale comune (CMD, per la sua Acronimi in inglese) è stato valutato utilizzando il Revised Clinical Interview Program (CIS-R), un questionario che si concentra sui sintomi nevrotici durante la settimana precedente. Oltre al numero di persone che vivono in una famiglia, c’erano dati disponibili su fattori quali peso e altezza, dipendenza da alcol, uso di droghe, sostegno sociale e solitudine.

La prevalenza di persone che vivevano da sole nel 1993, nel 2000 e nel 2007 era 8,8; 9,8 e 10,7%. In quegli anni, i tassi di disturbo mentale comune erano 14,1; 16,3 e 16,4%. In tutte le età, sia uomini che donne, c’era una relazione positiva tra vivere da soli e disturbi mentali comuni  (odds ratio 1993: 1,69, 2000 o 1,63, 2007 o 1,88 ).

In diversi sottogruppi di persone, vivere da soli ha aumentato il rischio di disturbo mentale comune di una persona da 1,39 a 2,43 volte.

Chi vive da solo è più probabile che soffra di disturbi mentali, lo rivela uno studio

Lo studio si concentra su disturbi mentali comuni, in pratica ansia e depressione. “E chiarisce anche i sintomi principali, che sono la ruminazione, valutazioni sociali negative o dipendenze. Tuttavia, questi ultimi hanno dimostrato di non avere un ruolo importante nella relazione tra vivere da soli e sviluppare un disturbo mentale.”

Pubblicità

I ricercatori sottolineano l’importanza di anticipare un fenomeno che considerano in crescita. “Intervenire sui sentimenti di solitudine delle persone anziane potrebbe ridurre la prevalenza della depressione”, dice Domenech. Haro è impegnata nell’adozione di misure a livello sociale: “È necessario agire per evitare che ciò danneggi la salute della popolazione, sia fisica che mentale. Dobbiamo migliorare l’agenda sociale, promuovere visite domiciliari alle cure primarie e all’associazione”.


Potrebbe interessarti anche...