Ci ha lasciato Fred Bongusto, aveva 84 anni

addio fred bongusto

Ci ha lasciato il grande Fred Bongusto. Il cantautore è mancato a Roma la notte scorsa.

Com’è noto, Bongusto conquistò il cuore degli italiani con la celeberrima «Una rotonda sul mare», leggendaria canzone dei primi anni Sessanta.

Cantante confidenziale, elegante e garbato, si fece apprezzare fin dall’inizio della carriera per la voce raffinata e sensuale.

Aveva compiuto 84 anni il 6 aprile scorso. Il suo nome vero era Alfredo Antonio Carlo Buongusto ed era nato a Campobasso.

I funerali di Fred Bongusto saranno celebrati a Roma lunedì 11 novembre, nella Basilica di Santa Maria in Montesanto, in piazza del Popolo.

Tra i suoi primi successi va ricordata Notte d’amore, rifacimento in italiano di Jealous Lover di Charles Williams.

Ci ha lasciato Fred Bongusto: si spengono le luci alla rotonda sul mare

Dopodiché arrivano, grazie alla collaborazione con Ghigo Agosti, Bella bellissima e Doce doce, ma la notorietà internazionale la conquista solo nel 1964, che è l’anno di Una rotonda sul mare.

Grande successo anche per Malaga, Spaghetti a Detroit, Amore fermati, Doce doce, Frida, Tre settimane da raccontare, La mia estate con te, Lunedì e Prima c’eri tu.

Bongusto fu attivo anche come compositore di colonne sonore per vari film di successo, come Malizia (candidata al Nastro d’argento) di Dino Risi e Peccato veniale, di Salvatore Samperi, Venga a prendere il caffè da noi e La cicala di Alberto Lattuada.

Nel 1979 un brutto episodio di cronaca legò il nome di Fred Bongusto, suo malgrado, alle tristi cronache degli anni di piombo.

I terroristi neri Cristiano Fioravanti e Alessandro Alibrandi, infatti, si introdussero in casa sua e picchiarono e rapinarono la moglie Gabriella Palazzoli e la governante.

LEGGI ANCHE:  Trova le differenze: Le 25 immagini più divertenti di sempre.

Il bottino fu pesante, decine di milioni di lire. I due si portarono via anche un disco d’oro.

Mancava dalle scene dal 22 aprile 2013 quando cantò Questo nostro grande amore in memoria dell’amico Franco Califano.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...