Come coltivare lo zenzero in qualunque clima (dentro e fuori casa)

coltivare lo zenzero

Come coltivare lo zenzero in qualunque clima (dentro e fuori casa).

Lo zenzero, lo sappiamo, è una pianta di origine tropicale, eppure ti sorprenderà scoprire che la si può coltivare praticamente dappertutto, sia in casa che all’aria aperta.

Come pianta, lo zenzero può raggiungere la discreta altezza di un metro e mezzo e può vivere e prosperare fino a cinque anni, garantendo nel contempo a chi la coltiva una scorta sicura della spezia piccante che tanti di noi amano e usano quasi tutti i giorni.

Sì, ma come fare? Innanzitutto ti devi procurare una radice di zenzero biologico. Che sia biologico è importante per il fatto che molto spesso le radici delle piante non biologiche sono trattate con sostanze chimiche varie che ne possono impedire la germogliazione.

Come coltivare lo zenzero in qualunque clima

Occorre immergere la radice nell’acqua tiepida per una giornata. Ancora prima di fare questa operazione, bisognerebbe esporla ai raggi diretti del sole, magari sul davanzale di una finestra, per qualche settimana. Questo lungo passaggio preventivo non è strettamente necessario, ma si sa che la luce solare facilita la comparsa dei germogli.

Trascorse le 24 ore, è il momento di piantare lo zenzero: dovrai aver cura di rivolgere i germogli verso l’alto. Al principio è bene adoperare un vaso non troppo fondo, perché lo zenzero tende a svilupparsi in orizzontale; è chiaro che per questo stesso motivo il vaso deve anche essere abbastanza largo. Il terriccio sarà bene che sia arricchito con del compost.

Prima di vedere comparire i germogli, possono passare tra le due e le quattro settimane. Il vaso va tenuto in una zona della casa (o del giardino) abbastanza tiepida, diciamo tra i 24 e i 27 gradi centigradi, inoltre la terra deve essere umida, ma non imbevuta di acqua.

LEGGI ANCHE:  Camera da letto piccola: organizzare gli spazi per un ambiente elegante

Passato qualche mese, allorché lo zenzero sarà cresciuto fino a diventare una pianta, si può cominciare a raccogliere le radici. Con le mani dissotterra un tratto di rizoma, ne tagli un piccolo pezzo con un coltello affilato e poi copri di nuovo col terriccio.

Come vedi, è un lavoro di pazienza, ma dà le sue soddisfazioni.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...