Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Come combattere la tristezza da lockdown: la felicità a portata di mano!

State cercando di combattere la tristezza da lockdown? Nulla di più semplice, quando capirete come fare! Il corpo umano è in grado di fornire gli antidepressivi naturali più potenti al mondo: gli ormoni della gioia!

Ossitocina, endorfina, dopamina e serotonina sono le chiavi per non cadere mai preda di ansia e stress. Bene, ma come fare per poterli produrre in dosi massicce al bisogno? Stimolando in modo efficace la parte più istintiva del cervello!

Curiose? Iniziamo!

Come combattere la tristezza

Come combattere la tristezza da lockdown: attivate gli ormoni!

Imparate ad attivare gli ormoni in maniera naturale e non sarete mai più possibili prede della depressione.

Iniziate dalla dopamina, connessa al piacere sessuale, culinario e uditivo-melodico. Come stimolarne la produzione da parte del cervello? Con un po’ di peperoncino in più ad esempio. Il sistema neurologico avvertirà un leggero senso di bruciore, lo interpreterà come dolore e correrà ai ripari mettendola in circolo per favorire la “guarigione”. Oppure, ascoltate buona musica, rilassatevi ed il resto verrà da sé.

Per attivare l’endorfina, invece, dovete impegnarvi con l’attività fisica: è lei che collabora al benessere e a quella sensazione di immensa soddisfazione che si raggiunge a termine di una corsa, di una nuotata, di una seduta in palestra. Non potete uscire? Poco importa, saltellate sul posto, ridete a crepapelle davanti ad un film comico e mangiate un po’ di cacao, terrete alto il morale.

Poi serve anche un pizzico di ossitocina in più! Chi ha avuto figli sa di cosa stiamo parlando: è l’ormone dell’amore, quello che in gestazione allevia la fatica, nel parto solleva (leggermente) da dolori lancinanti e durate l’allattamento allontana la depressione post-maternità. Ecco, ma in mancanza di gravidanza, come fare a produrla? Giocando con gli animali di casa, accarezzandoli e coccolandoli.

LEGGI ANCHE:  Pane azzimo: la ricetta per prepararlo in casa

E, per finire, serve riposare: un buon ristoro notturno viene favorito dall’intervento della serotonina, che a sua volta immette nell’organismo la melatonina. Per produrne in quantità e trovare il giusto relax pre-addormentamento, consumate kiwi, ananas, banae, prugne e noci, ma non solo, semi di sesamo e di girasole. 

E direte addio ad ansia e tristezza! Provateci!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...