Come cucinare i broccoli evitando il cattivo odore

cucinare i broccoli

Come cucinare i broccoli evitando il cattivo odore.

Di’ la verità, qualche volta hai rinunciato a cucinare i broccoli per via del cattivo odore che mandano in giro per tutta casa. Questo spiacevole “effetto collaterale” del cucinare i broccoli si deve al fatto che questa verdura contiene composti a base di zolfo.

Un modo per evitare questo è sottoporre i broccoli a una cottura rapida.

Come cucinare i broccoli evitando il cattivo odore

Il broccolo è un ortaggio che conosce il suo periodo di maggior consumo tra ottobre e febbraio, anche se lo si può cucinare tutto l’anno. Si tratta di una verdura piuttosto versatile e che apporta più di qualche vantaggio alla salute.

In particolare è un alimento molto nutriente e poco calorico, il che ne fa un protagonista ideale di qualsiasi dieta dimagrante.

Tra l’altro i broccoli sono anche una buona fonte di fibra, ciò che li rende utili in caso di transito intestinale lento o difficoltoso. Contengono inoltre vari composti antiossidanti che possono aiutare a prevenire l’insorgere di malattie anche piuttosto serie.

In particolare contengono una buona quantità di vitamina C, anche se con la cottura questa si perde, almeno in parte. Ecco perché non si dovrebbe cuocere i broccoli oltre misura. A proposito della vitamina C, va rammentato che questa è importante, tra l’altro, perché favorisce l’assorbimento del ferro.

Le persone vegane e vegetariane dovrebbero stare molto attente a questo dettaglio, perché il ferro di origine vegetale viene assorbito con minore efficienza rispetto a quello di origine animale.

Come cucinare i broccoli

Al vapore: è un tipo di cottura che li lascia al dente e ne rispetta la consistenza. Inoltre questa cottura consente anche di conservare la maggior parte dei nutrienti.

LEGGI ANCHE:  Zuppa di broccoli | Prova la mia ricetta | E' un toccasana per lo stomaco e per la linea

Saltato in padella: se scegli questa cottura, un accostamento ideale è quello con riso integrale, pollo o anche tofu. Ci sta bene anche un pochino di salsa di soia, meglio se poco salata.

Al forno. Cotti al forno, i broccoli sono eccellenti come guarnizione di un buon filetto di salmone.

Sotto forma di hamburger: i broccoli possono costituire uno degli ingredienti di un ottimo hamburger, insieme a fiocchi di avena e/o legumi vari.

Macini tutto quanto, aggiungi sale e spezie (aglio in polvere, cumino, pepe) e dai all’impasto la classica forma schiacciata degli hamburger, che poi metti in frigo prima di cuocerli alla piastra.

Questi sono tutti modi in cui puoi cuocere i broccoli evitando o limitando al massimo il “cattivo” odore.

Una ricetta a titolo di esempio: crocchette di broccoli al formaggio

Ti servono: due broccoli piccoli; 150 grammi di formaggio grattugiato; due cucchiaini di aglio in polvere; due cucchiaini di noce moscata; avena (per la “panatura”).

Procedi così

Preriscaldi il forno a 200 gradi. Fai bollire i broccoli e poi li fai freddare. Li schiacci con una forchetta fino a ridurli a una purea, aggiungi le spezie e un uovo e mescoli tutto quanto. Dai forma alle crocchette e poi le passi nell’uovo che rimaneva e nell’avena. Poi cuoci in forno a 200 gradi per 20 minuti.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...