Coronavirus: come ridurre il rischio di ammalarsi

Coronavirus: come ridurre il rischio di ammalarsi.

Sono tempi strani e difficili, ma tu stai cercando di comportarti da buon cittadino: esci di casa solo per fare la spesa e quando ti avventuri per strada magari metti la mascherina, e poi ti lavi spesso le mani e mantieni rigorosamente le distanze con le altre persone.

Ottimo. Se segui le regole che sono state date dalle autorità, ti comporti benissimo.

Coronavirus: come ridurre il rischio di ammalarsi

Ma c’è altro che puoi fare per abbassare il rischio di ammalarti? Diciamo che in linea generale gestire lo stress, rimanere attivi e dormire quanto basta sono buone pratiche che non fanno male di certo, anzi.

Lo stress. In una serie di esperimenti condotti negli Stati Uniti si sono esposte delle persone a un patogeno del raffreddore. Si è visto che le persone che prima dell’esposizione avevano dichiarato di essere stressate avevano maggiori probabilità di prendere l’infreddatura e anche con sintomi più seri degli altri partecipanti all’esperimento.

Idem per quanti tra loro erano disoccupati, avevano problemi coniugali o stavano vivendo altre esperienze stressanti.

Se il Covid-19 ti induce ansia, sappi che non sei da solo. Il CDC americano a questo proposito raccomanda quanto segue:

non stare sempre a guardare i notiziari o a leggere storie sul Coronavirus;

ogni tanto prenditi una pausa per meditare, fare esercizio, respirare (letteralmente);

segui una dieta leggera, bilanciata, ricca di frutta e verdura;

evita l’alcol;

trova il tempo di fare qualcosa che ti piace: leggere un libro, guardare una serie tv, cucinare…

sta’ in contatto con gli amici e la famiglia: oggi i mezzi non mancano, sfruttali per mantenere vive le relazioni con chi ami.

LEGGI ANCHE:  Come bruciare i grassi col bicarbonato

L’esercizio fisico. Fai esercizio fisico in maniera regolare. I dati finora disponibili suggeriscono che le persone che lo fanno con costanza si ammalano meno di problemi respiratori.

Dormire quanto basta. C’è un studio nel quale i ricercatori hanno tenuto sotto controllo 164 persone per una settimana. I soggetti sono stati contagiati col virus del raffreddore e poi messi in quarantena in un hotel per cinque giorni, per vedere chi si ammalava e chi no.

S’è visto che la probabilità di ammalarsi era quattro volte maggiore nei soggetti che dormivano meno di sei ore a notte rispetto a quanti invece riuscivano a farlo per sette ore o più.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...