Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Ecco cosa sono quei piccoli oggetti trasparenti che fluttuano davanti ai nostri occhi

Pubblicità

Quando vediamo fluttuare degli “oggetti non identificati” all’interno del nostro campo visivo potremmo spaventarci e pensare al peggio. Una visita di controllo presso un buon oculista non fa mai male, tuttavia in gran parte dei casi si tratta di un fenomeno comune chiamato “mosche volanti”.

Le suddette “mosche” possono somigliare a piccoli vermi o puntini trasparenti che, presentandosi alla vista, spariscono nel momento in cui tentiamo di focalizzarci su di essi, per poi riapparire quando torniamo alla normale modalità visiva.

Pubblicità

La denominazione scientifica di questo fenomeno è Muscae Volitantes… e in effetti sa essere fastidioso quando le mosche.

In ogni caso non si tratta né di insetti insidiatisi negli occhi né di altri corpi esterni, bensì di “animaletti” che vivono nei nostri stessi occhi. Questi organismi sembrano essere vivi perché si muovono e cambiano forma, ma ovviamente non lo sono.

Tali “mosche” sono in realtà dei minuscoli corpi che risiedono nel bulbo oculare e proiettano ombre sulla nostra retina, posizionata nella parte posteriore del bulbo.

La natura di questi corpi può variare (pezzetti di tessuto, proteine e altri materiali organici). L’apparente movimento di questo materiale è dovuto in realtà al movimento della massa gelatinosa in cui sono sospesi e che si muove seguendo il nostro sguardo.

Prevalentemente invisibili ma sempre presenti, si fanno notare quando si avvicinano sempre di più alla retina. Per comprendere meglio questo fenomeno possiamo provare a posizionare la mano di fronte ad una superficie illuminata direttamente da una luce: se la mano è lontana dalla superficie, l’ombra apparirà appena, mentre man mano che ci avviciniamo diverrà sempre più definita. Ecco spiegato il fenomeno delle mosche volanti.

Iil fenomeno risulta più evidente quando rivolgiamo lo sguardo ad una superficie luminosa, ad esempio lo schermo di un computer acceso, la neve in una giornata di sole o il cielo terso e libero dalle nuvole – più in generale una superficie uniforme e lucente.

Pubblicità

Vi è inoltre un fenomeno molto più comune, simile a quello delle mosche volanti ma solo in apparenza. Si tratta dei puntini “impazziti” che fluttuano rapidamente in qualsiasi direzione nel nostro campo visivo: il suo nome è “fenomeno entoptico da campo azzurro”.

In questo caso non vediamo ombre ma l’esatto opposto, la luce. I piccoli puntini luminosi sono causati dai globuli bianchi che si muovono tra i capillari vicini alla retina.

In entrambi i casi è fondamentale sapere che, qualora ricorrenti, questi fenomeni potrebbero essere il sintomo di una patologia seria alla vista. Se vediamo in modo frequenti le cosiddette mosche volanti o i puntini di luce è necessaria una visita dall’oculista.

Biologa Nutrizionista: Maria Leonardi


Potrebbe interessarti anche...