Dal nocciolo alla pianta di pesco | In soli 30 giorni col trucco del frigorifero

dal nocciolo alla pianta di dal nocciolo alla pianta

Dal nocciolo alla pianta di pesco | In soli 30 giorni col trucco del frigorifero

Specialmente durante la stagione calda è fondamentale cibarsi di frutta. Questa aiuta a contrastare il caldo e mantenere l’idratazione dell’organismo, oltre che donare sali minerali e vitamine. Tra i frutti più funzionali in tal senso troviamo indubbiamente la pesca: se ti dicessimo che potresti ottenere una pianta di pesco in pochi semplici passaggi? Continua la lettura.

Dal nocciolo alla pianta di pesco | In soli 30 giorni col trucco del frigorifero

 

Dal nocciolo alla pianta di pesco | In soli 30 giorni col trucco del frigorifero

Generalmente, una pianta di pesco deve seguire un ciclo vitale ben specifico. Durante l’estate il frutto cade per terra, fino a che non rimane solo il nocciolo da cui poi nasce una piantina nella primavera dell’anno successivo.

Con il trucco del frigorifero si bypassa tutta questa fase e si simula il passaggio di 8-9 mesi in pochi giorni. Come si procede? Per prima cosa è necessario usare una pesca matura e prelevare il nocciolo all’interno. Lasciamo il nocciolo un paio di giorni al sole e poi con un martello spacchiamolo per cercare di ottenere la mandorla al suo interno (attenzione a non romperla).

Successivamente, ritagliamo un tovagliolino e riponiamolo in una vaschetta di plastica. Inumidiamo il fondo e poggiamoci su la mandorla. Ora poniamo su di essa un altro tovagliolino ben bagnato. Le vaschette vanno riposte in frigo nel reparto della frutta: controlliamo ogni 3-4 giorni per notare i cambiamenti.

Cosa succede dopo una settimana

Dopo soli sette giorni si può notare come siano nati dei germogli dalla nostra mandorla. A questo punto è arrivato il momento di travasare in un vasetto di almeno 20 cm di diametro la nostra mandorla.

LEGGI ANCHE:  Clorophytum: pianta mangia smog, riduce l'inquinamento nell'aria!

Quando riponiamo la mandorla nel terreno dobbiamo prestare attenzione affinché non si rompa: facciamo una fossetta di almeno 3-4 cm, 1,5 di profondità. Il terriccio può essere ad impasto medio. La mandorla dovrà essere posta con la radichetta che guarda il terreno (attenzione a non spezzarla).

Pian piano dobbiamo ricoprire la mandorla col terriccio e successivamente annaffieremo in maniera abbondante il terreno. Già dopo una ventina di giorni dal travaso potremo notare come la piantina sarà cresciuta e arrivata a circa 10 cm di altezza. Dopo un mesetto si potrà notare una sostanziale differenza, con delle foglie molto folte.

Sarà impressionante notare come dopo circa due mesi la nostra pianta di pesco sarà molto alta, anche più di un metro. Basterà aspettare altro tempo per poter ottenere una bellissima pianta che possa produrre dei frutti che consumeremo in tutta tranquillità.

Un trucchetto davvero geniale!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...