Doc – Nelle Tue Mani, Luca Argentero rivela: “Finale aperto”

Nella serata di oggi, giovedì 2 aprile, andrà in onda su RAI 1 la seconda puntata (in due episodi) della fiction “Doc – Nelle Tue Mani” con protagonista Luca Argentero.

L’attore ha già anticipato che le riprese sono state interrotte a causa dell’emergenza Coronavirus; per ora vedremo solo le quattro puntate già pronte. Saranno trasmesse dalla prima rete fino al 16 aprile e avranno ovviamente un finale aperto, come ha rivelato Argentero su “TV Sorrisi e Canzoni”. Il resto (altre quattro puntate da due episodi ciascuna) sarà trasmesso in autunno.

Stasera vedremo il famoso primario Andrea Fanti, adattarsi a fare l’aiutante dei “suoi” specializzandi, dopo aver perso 12 anni di memoria. Era successo che un uomo gli avesse sparato, ritenendolo responsabile della morte del proprio figlio, avvenuta in ospedale.

Prima dell’aggressione, Andrea aveva scoperto il vero responsabile del decesso: un altro medico, che aveva commesso un errore e aveva chiesto al luminare di tacere; ora, però, lui non ricorda nulla e si complimenta con il collega, quando questi gli comunica di essere stato scelto per sostituirlo come primario.

Il commento di Luca Argentero sul successo della fiction

“Doc – Nelle Tue Mani” ha avuto un ottimo esordio, con oltre 7 milioni di telespettatori. Ovviamente soddisfatto Luca Argentero, il quale ha sottolineato l’importanza del successo della fiction in un periodo così drammatico per via del Covid-19. Tra l’altro è basata sulla storia vera di Pierdante Piccioni, primario degli ospedale di Codogno e di Lodi, i primi in Lombardia a dover far fronte alla pandemia (la fiction, però, non parla di questo). Il medico ha rimosso 12 anni della sua vita a causa di un incidente stradale e sta cercando di ricostruirli.

LEGGI ANCHE:  Anticipazioni Il Paradiso delle Signore 10 settembre: feroce litigio tra Federico, Roberta e Marcello

Argentero l’ha conosciuto personalmente: oggi lo considera un amico e una fonte di ispirazione; gli ha fornito anche preziosi consigli per interpretarlo. Inoltre, per prepararsi ancora meglio, l’attore si è recato al Policlinico Gemelli di Roma per seguire le attività di un reparto e parlare con i dottori.

Ha osservato che la fiction rappresenta una realtà molto attuale anche perché adesso, com’è stato per Piccioni per altri motivi, la gente si rende conto che può cambiare tutto da un momento all’altro.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...