Ecco come coltivare (Davvero semplice)questo frutto delizioso: Cetriolini messicani (Mini Angurie)

I cetriolini messicani sono frutti della dimensione dell’uva e con un sapore simile a quello del cetriolo, più un retrogusto amarognolo dato dalla buccia. Queste mini-angurie sono uno degli alimenti più teneri della Terra. Se ti attraggono, allora potresti perfino coltivarle da te, nel tuo giardino.

La prima buona notizia è che è più facile far crescere e curare i cetriolini messicani rispetto ai cetrioli. Diversamente da questi, non hanno bisogno di una serra che le protegga, né di tecniche di potatura sofisticate. In più, i cetriolini messicani non vengono attaccati da molti parassiti, e così non è necessario utilizzare pesticidi.

La semina può essere diretta in campo, oppure mettendo i semi in vasetti o contenitori simili, alti almeno 10 centimetri e con fondo forato, così da garantire un ottimo drenaggio dell’acqua. Copri il seme con una quantità di terriccio pari al doppio del diametro (un centimetro) e tieni umido il terreno. Invece, il trapianto deve essere effettuato ad aprile e comunque entro 20 giorni dalla semina. Le piantine vanno distanziate di circa 20 cm. Metti un supporto vicino alla pianta del cetriolino messicano: la pianta si arrampicherà e non striscerà sul terreno. La raccolta? A luglio, quando i frutti sono sodi e della dimensione di un chicco d’uva.

46443b6166ddad6925fae8ce7b75f9f4

Il cetriolino messicano lo puoi mangiare da solo, oppure con olive. È un perfetto snack per gli aperitivi, così come nei panini. Sono ottimi perfino saltati in padella. In alternativa, taglia a metà i cetriolini messicani e assemblali in un’insalata con fagiolini lessati e tagliuzzati, più cipolla sottilissima, aglio, mango a fettine, nonché peperone dolce e peperoncino piccante, succo di lime, sale e olio d’oliva.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...