Eliminare il calcare nella doccia e sui rubinetti: guarda cosa è meglio dell’aceto

combattere il calcare nella doccia calcare doccia

Eliminare il calcare nella doccia e sui rubinetti: ecco cosa è meglio dell’aceto

Combattere il calcare nella doccia e sui rubinetti: con l’acido citrico. Quando si tratta di pulire casa, una delle cose più antipatiche e frustranti e avere a che fare col calcare: nei rubinetti, nella doccia, sulle superfici di acciaio. E se l’acqua che esce dai nostri rubinetti è “dura”, la cosa è ancora più spiacevole e complicata.

Eliminare il calcare nella doccia e sui rubinetti: ecco cosa è meglio dell'aceto

Eliminare il calcare nella doccia e sui rubinetti: ecco cosa è meglio dell’aceto

Eppure un modo c’è per affrontarlo efficacemente: con l’acido citrico!

L’acido citrico non solo può aiutarci a tenere pulite lavastoviglie e lavatrice, ma è anche un ottimo mangia-calcare. Vediamo come possiamo usarlo per scrostare il calcare e ottenere delle superfici belle lucide.

Acido citrico e acqua distillata

Un primo modo è sciogliere un 150 grammi di acido citrico in un litro d’acqua demineralizzata (detta anche distillata). Ne viene fuori una soluzione che si può travasare in uno spruzzino e poi nebulizzare sulle superfici che ci interessa lucidare a nuovo.

Se si tratta di rubinetti, di solito è meglio non spruzzare la soluzione con l’acido citrico direttamente sopra, specie nel caso i rubinetti siano circondati da superfici di marmo o di pietra, che con l’acido si possono rovinare.

In questi casi è meglio nebulizzare il prodotto su un panno e poi sfregare con quello le zone con più incrostazioni.

Nel caso della doccia, si può spruzzare la soluzione sui vetri e poi lasciarla agire per qualche minuto. Quindi si passa un panno in microfibra e successivamente un altro panno asciutto per rifinire il lavoro.

Ma si può adoperare anche l’aceto

L’umile aceto può funzionare benissimo quando si tratta di lucidare i rubinetti, ma svolge un lavoro davvero egregio soprattutto nel caso di aloni sull’acciaio e macchie sui vetri.

LEGGI ANCHE:  Depilazione permanente viso: ecco come ottenere ottimi risultati fai da te

Se lo usiamo per la doccia, è sempre bene asciugare con un panno in microfibra. In caso la nostra acqua sia molto dura, possiamo anche versare un po’ di aceto di vino bianco sul panno suddetto e poi passarlo sui vetri del box doccia: in tal modo avremo ottenuto una pulizia veloce e diciamo accettabile.

Per un lavoro più accurato, però, si possono usare delle scaglie di sapone di Marsiglia versate in un secchio d’acqua assieme a un bicchiere di aceto.

Buon lavoro!

 

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...