Fa 32 km a piedi per andare al lavoro: il capo gli regala la sua auto

Recita l’adagio che la fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo.

È quello che deve aver pensato Walter Carr, uno studente universitario di 20 anni, quando il giorno prima del suo primo giorno di lavoro la sua macchina, una vecchia Nissan, s’è rotta all’improvviso.

Qual lavoro come facchino alla ditta di traslochi Bellhops Moving era arrivato dopo un sacco di domande e colloqui andati male, sicché Walter lo voleva tenere a tutti i costi.

Ma come si anticipava sopra, la sera prima del suo primo giorno di lavoro la sua Nissan ha dichiarato forfait.

Walter a quel punto ha telefonato a tutti i suoi amici, nella speranza che qualcuno potesse dargli un passaggio fino al posto di lavoro.

Tutto inutile, però, perché per un motivo o per l’altro nessuno di loro era in grado di aiutarlo.

A quel punto a questo ragazzo dell’Alabama non è rimasto che far buon viso a cattivo gioco: al lavoro non sarebbe mancato per nulla al mondo e ci sarebbe andato a piedi.

Per percorrere i circa 32 chilometri che lo separano da Pelham, dove ha sede la sua ditta, il ragazzo si è messo in marcia a mezzanotte.

Una mossa, la sua, non solo ammirevole, ma anche coraggiosa. Perché non sarebbe la prima volta né l’ultima che un nero come lui finisce nei guai con la polizia solo per il fatto di camminare da solo di notte…

Però stavolta un aiuto è venuto proprio dalla polizia, sotto forma di un agente di buon cuore che notando come il ragazzo fosse quasi esausto, lo ha portato a mangiare qualcosa in un diner: a spese sue, va notato.

LEGGI ANCHE:  Santo del Giorno 29 Febbraio: Sant'Osvaldo di Worcester

Dopo lo ha lasciato in una chiesa, dalla quale il ragazzo ha ripreso la sua marcia verso il suo primo giorno di lavoro.

Dopo aver camminato per un altro po’, il ragazzo è stato notato da un altro agente, che gli ha dato un passaggio per gli ultimi sei chilometri.

Arrivato alla casa dove doveva si doveva fare il trasloco, il poliziotto ha raccontato tutto alla cliente, la signora Jenny Lamey, che si è commossa al pensiero che Walter avesse fatto tutta quella strada a piedi per andare da lei a lavorare.

La donna s’è pure offerta di posticipare il lavoro, ma Walter ha voluto cominciare subito.

Ammirata da tanta tenacia, la singora Lamey a quel punto ha creato su Facebook una pagina GoFundMe per aiutare Walter a pagare la riparazione della una macchina.

Ma la storia non finisce qui, perché il titolare della Bellhops, Luke Marklin, deve aver pensato che un dipendente così tenace doveva essere premiato.

Detto, fatto: l’uomo ha infatti deciso di regalare al ragazzo la sua macchina, una Ford Escape. Nelle foto vedete la “cerimonia” della consegna delle chiavi (e la commozione di Walter).

Chi l’ha detto che al mondo ci sono solo persone cattive?

Queste idee valgono oro… Altro che lattine!