Feci umane nel kebab: 140 persone finiscono in ospedale.

Ristorante di kebab multato per la presenza di “feci nel cibo”

Due proprietari di un ristorante di kebab, a Nottingham, dovranno pagare 28mila sterline per risarcire chi si è sentito male.

Due ristoratori di Nottingham, non avrebbero rispettato le normali norme igieniche nel loro ristorante. Il ristorante chiamato Khyber Pass a Hyson Hyson Green, Nottingham, è stato chiuso dopo che un raro focolaio di Escherichia Coli è stato correlato al cibo mangiato dai clienti colpiti.

Feci umane nel kebab: 140 persone finiscono in ospedale

Le ricerche hanno evidenziato la presenza di cibo contaminato da feci umane, e i ristoratori hanno ricevuto l’ordine di risarcire i clienti colpiti. Ad agosto, i proprietari Mohammad Abdul Basit e Amjad Bhatti si sono dichiarati colpevoli di aver violato le norme sull’igiene alimentare. Sono state più di 140 le persone colpite dall’epidemia. Nella causa nel Tribunale di Nottingham, i proprietari hanno ricevuto una condanna a quattro mesi di prigione più la chiusura del locale per 12 mesi e l’obbligo di pagare a ciascuna persona colpita 28mila sterline.

Feci umane nel kebab: 140 persone finiscono in ospedale

Le violazioni comprendevano la vendita di alimenti non destinati al consumo umano, la bassa pulizia personale dei lavoratori del settore alimentare e le strutture inadeguate per il lavaggio delle mani e il drenaggio. Un locale totalmente inadeguato!

Un’indagine condotta dal comune di Nottingham ha individuato che il responsabile dell’intossicazione alimentare era l’Enteroinvasive Escherichia coli (EIEC).

L’EIEC si trovava solo nell’intestino e quindi gli ispettori hanno concluso che le persone colpite dall’epidemia devono aver mangiato cibo contaminato da feci umane. I funzionari hanno spiegato che l’epidemia era stata dovuta al cibo mangiato al ristorante dopo l’analisi di campioni fecali da pazienti.

LEGGI ANCHE:  Depilazione: per farla durare più a lungo, applicate subito un po' di...

Lo stesso ceppo di EIEC è stato trovato nella lattuga preparata dagli addetti al cibo presso il takeaway. Paul Dales, della squadra di cibo, salute e sicurezza del comune di Nottingham, ha dichiarato:

Feci umane nel kebab: 140 persone finiscono in ospedale

Si è trattato di un gravissimo avvelenamento da cibo su un gran numero di persone, alcune delle quali hanno sviluppato sintomi gravi causata da voi nel modo in cui avete gestito la vostra azienda, come operatori del settore alimentare, e causate dalle vostre violazioni delle norme sulla sicurezza alimentare e sulla salute. È una fortuna che non ci siano stati incidenti mortali, poiché si tratta di un ceppo di E. coli che si trova raramente nel mondo sviluppato, essendo questo solo il secondo focolaio confermato in Europa“.

Feci umane nel kebab: 140 persone finiscono in ospedale

È chiaro che le pratiche di lavaggio delle mani di alcuni lavoratori erano del tutto inadeguate e questo ha portato alla contaminazione del cibo”, ha aggiunto. Una ragazzina, di soli 13 anni, è addirittura finita in terapia intensiva. “Ha rischiato la morte”, come hanno detto i medici del Queen Medical Centre di Nottingham.

Basit, 48, e Bhatti, 45 anni, si sono dichiarati colpevoli di sette infrazioni per non aver rispettato le disposizioni europee in materia di sicurezza alimentare e igiene.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...