Forza Nuova: Tre Giovani Iscritti Picchiati a Padova

Tre giovani esponenti del partito di estrema destra Forza Nuova sono stati vittime di un’aggressione a Padova.

L’episodio, non l’unico in questi ultimi tempi, testimonia il clima di crescente tensione che sta avvelenando l’Italia da qualche tempo a questa parte.

Le conseguenze non sono state pesanti, ma la gravità di quanto accaduto, ovviamente, rimane.

Forza Nuova: l’aggressione nel pomeriggio di oggi

Nel tardo pomeriggio a Padova, tre esponenti di Forza Nuova sono stati aggrediti da cinque persone di identità sconosciuta.

L’episodio si è verificato in Via Fra Paolo Sarpi, dove i ragazzi stavano abbandonando il presidio di Via Cesarotti in concomitanza con il Padova Pride.

Fino a quel momento la manifestazione si era svolta senza intoppi né incidenti poi, verso la fine, il pestaggio.

A quanto sembra, i ragazzi non hanno riportato conseguenze degne di nota, tanto che nessuno di loro ha voluto recarsi in ospedale per farsi medicare.

La Digos intanto, indaga per capire quale sia stata la dinamica esatta dei fatti.

Padova Pride: tanta allegria e nessun incidente

Fino al momento del pestaggio dei militanti di Forza Nuova, il Padova Pride si era svolto fra canti, balli ed allegria, senza il verificarsi di incidenti o episodi incresciosi.

La manifestazione viene organizzata a sostegno dei diritti civili.

Al Padova Pride hanno preso parte, fra gli altri, il sindaco della città Sergio Giordani ed il Vicesindaco Arturo Lorenzoni, più alcuni assessori.

In testa al corteo c’era anche il deputato del Pd Alessandro Zan, da sempre molto attento alla tematica dei diritti degli omosessuali.

Il corteo, pieno di bandiere e tamburi, è iniziato a Piazza Garibaldi per dirigersi poi al Parco delle Mura.

LEGGI ANCHE:  Scatta il 25% di tariffa doganale degli Usa su parmigiano, pecorino, prosciutto (non dop) e provolone. Salvi il prosecco e l’olio di oliva

Slogan contro Matteo Salvini

Scandendo alcuni slogan, i partecipanti alla manifestazione hanno preso di mira Matteo Salvini, leader della Lega ed attuale Ministro dell’Interno.

Fra gli slogan più gridati “Salvini, i tuoi sono gli unici baci che non vogliamo” e “Siamo tutti liberi”.

Nonostante la protesta però, il tutto si è svolto in un clima sereno e pacifico.

L’aggressione ai militanti di Forza Nuova è avvenuta quando il corteo stava per terminare e si è trattato, fortunatamente, di un episodio isolato e senza gravi conseguenze.

Contemporaneamente al Padova Pride, un gruppo di militanti di Forza Nuova ha tenuto un comizio in Via Cesarotti.

Come è noto, la suddetta forza politica esprime spesso posizioni piuttosto dure nei confronti dell’omosessualità, parteggiando apertamente per i valori della famiglia tradizionale e l’amore eterosessuale.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...