Frutta e verdura che vanno a male? Ecco i migliori trucchi per conservarli a lungo

frutta e verdura che vanno AdobeStock 344557352

Frutta e verdura che vanno a male? Ecco i migliori trucchi conservarli a lungo

Un’alimentazione sana ed equilibrata, prevede cinque porzioni di frutta e verdura al giorno. Non tutti siamo così precisi nel seguire questa indicazione ma, comunque, in quasi tutte le case è sempre presente un certo quantitativo di questi alimenti. Il problema sorge dal fatto che, spesso, buona parte della frutta e della verdura, invece di finire nel piatto, passa direttamente nella pattumiera.

frutta e verdura che vanno AdobeStock 344557352

Frutta e verdura che vanno a male? Ecco i migliori trucchi per conservarli a lungo

Bastano pochi piccoli accorgimenti e non ci succederà più.

Il risparmio comincia dalla spesa

I tempi ridotti che abbiamo, ci fanno spesso riempire i carrelli in maniera esagerata, nella speranza di non dover tornare costantemente al supermercato. Quando si tratta di frutta e verdura non c’è mossa peggiore, perché, stipando questi prodotti nel frigo, alla fine andranno a male prima del dovuto. Di conseguenza ci ritroveremo, comunque senza contorno, e quindi costretti a tornare al supermercato ma pure con il portafoglio alleggerito.

Quando andiamo a fare la spesa concentriamoci sui prodotti che possono essere conservati e facciamone scorta in modo da non doverli più acquistare per tutta la settimana, come carne e panificati. Per quanto riguarda invece frutta e verdura, compriamo solo quella per i due, tre giorni successivi. In questo modo a metà settimana possiamo fare solo un passaggio super veloce al reparto frutta , senza perdere troppo tempo. Nel caso il supermercato fosse distante, e quindi, anche un passaggio rapido, ci costa troppa fatica, prendiamo in considerazione il fruttivendolo sotto casa. Di solito è più caro ma non avremo sprechi, quindi la spesa si compenserà.

Un’altra cosa da tenere a mente, quando acquistiamo la frutta e la verdura, è quella di avere ben chiaro cosa vogliamo preparare nei pasti imminenti. E’ inutile acquistare un quantitativo industriale di verdura da cuocere se nella settimana in questione non abbiamo nemmeno il tempo di respirare. Otterremo solo che marcirà in frigo.

Quando, invece, sappiamo di avere una giornata libera, che vogliamo dedicare ai fornelli, facciamo scorta di tutto ciò che può essere cotto e congelato, come verdura cotta o ai ferri. In questo modo, se non abbiamo avuto tempo di passare dal fruttivendolo non avremo il problema del contorno.

LEGGI ANCHE:  Realizzare in maniera semplice ed economica delle scrivanie? Ecco Tanti incredibili progetti fai da te.

Come conservare la frutta e la verdura

Già seguendo questi piccoli accorgimenti, il problema dei prodotti che marciscono in frigo, sarà in gran parte risolto. Lo elimineremo del tutto, se impariamo a conservare nel modo corretto la frutta e la verdura:

  1. Le patate, possono essere acquistate in quantità maggiore perché resistono molto di più di altra verdura. Conserviamole però fuori dal frigo, in un luogo fresco e al riparo dalla luce.
  2. L’insalata non deve mai essere curata in anticipo, perché altrimenti va a male alla velocità della luce. In attesa di consumarla inseriamola in un contenitore ermetico ricoperta di carta assorbente, togliendole l’umidità durerà di più.
  3. Le cipolle hanno bisogno d’aria, il metodo migliore per conservarle è dentro ad una calza fuori dalla finestra. Siccome non tutti possono appendere le cipolle al davanzale, possiamo pensare di metterle in un contenitore di vimini e metterle in terrazza. In alternativa anche il cassetto della verdura può andare bene, purché non sia troppo pieno.
  4. La frutta deve essere tenuta fuori frigo e consumata quanto prima. Le mele, poi, conserviamole da sole, perché velocizzano la maturazione degli altri frutti.
  5. Quando compriamo le banane, preferiamo il casco completo e, una volta portato a casa, copriamo il picciolo con della stagnola. Evitando il passaggio dell’aria in quel punto, tutte le banane ritarderanno la maturazione.
  6. Quando ci serve solo parte del limone, tagliamolo a fetta e non in spicchi, in questo modo possiamo coprire la parte tagliata con la testa del limone, lo manterrà intatto.
  7. L’avocado ormai è entrato di diritto nella nostra alimentazione, se ne usiamo solo la metà, bagniamo quella rimanente con del succo di limone e conserviamola in frigo. Consumiamolo al massimo il giorno dopo.

Con un po’ di buona volontà non avremo mai più sprechi di frutta e verdura.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...