Gli stuzzichini ideali per un buffet: le crocchette di polenta e taleggio

Gli stuzzichini ideali per un buffet: le crocchette di polenta e taleggio.

Queste crocchette di taleggio e polenta che stiamo per presentarti sono degli eccellenti stuzzichini, ottimi per un buffet di antipasti ma anche per occasioni più eleganti e particolari.

Le puoi preparare in maniera molto semplice e tra l’altro sono un ottimo modo per recuperare della polenta avanzata. Se tutto va come deve, il risultato sono degli antipastini sfiziosissimi, croccanti fuori e morbidi e filanti nel cuore. Conquisteranno tutti quanti, i bambini specialmente.

Gli stuzzichini ideali per un buffet: le crocchette di polenta e taleggio

Gli ingredienti

Per sei persone ti servono questi ingredienti: mezzo litro d’acqua; mezzo litro di latte; 300 grammi di farina di mais; un bicchierino di olio extravergine di oliva; sale quanto basta.

Per il ripieno: 300 grammi di taleggio.

Per la panatura: farina doppio zero quanto basta; due uova; quanto basta di pangrattato.

La preparazione

Si parte dalla polenta. Innanzitutto metti a bollire una pentola con acqua e latte. Quando il mix arriva a bollore aggiusti di sale e poi versi la farina di mais, a pioggia, sempre girando per bene per evitare che il composto formi dei grumi.

La polenta deve cuocere per circa un trenta/trentacinque minuti, a fiamma media e girando costantemente.

Quando la polenta è pronta, versi l’olio e continui a mescolare. Quando è pronta, la polenta la versi in un piatto: dovrà formare uno strato di massimo due centimetri. Fatta questa operazione, la copri con della pellicola trasparente e la metti da parte affinché si freddi.

Fatta la polenta, bisogna dedicarsi al ripieno. Ovvero fai a dadini il taleggio. Una volta che la polenta si è freddata, va ridotta in piccole porzioni.

LEGGI ANCHE:  Frittelle di zucchine: l'antipasto veloce ed economico!

Se ne prende un po’, si appiattisce sul palmo della mano e sopra ci si depositano due dadini di taleggio, dopodiché si richiude la polenta e la si rotola tra le mani per formare una specie di “polpetta” più o meno tonda. Vai avanti così fino a che hai polenta a disposizione, poi non ti resta che procedere alla panatura.

Ovvero: passi le crocchette di polenta prima nella farina doppio zero poi nell’uovo sbattuto (con un pizzico di sale) e poi nel pangrattato. Per una panatura più spessa si possono ripassare le crocchette nell’uovo e poi di nuovo nel pangrattato.

Fatta la panatura, non resta che tuffare le crocchette in abbondante olio di semi ben caldo per qualche minuto. A metà cottura si girano per dargli una doratura uniforme.

Da servire ben calde.

Buon appetito!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...