I bambini DAVVERO felici sono vivaci, chiassosi ed euforici

Dicevano gli antichi che “in medio stat virtus”, la virtù sta nel mezzo. Se un bambino è troppo tranquillo e silenzioso, c’è qualcosa che non va. Se è troppo vivace e chiassoso, anche in questo caso c’è qualcosa che non va.

 

Ora, la condizione “naturale” di bambini normalmente sani e svegli è la seconda, quella dei pargoli vivaci e chiassosi. C’è però modo e modo, come si anticipava sopra.

In altre parole, ci sono situazioni nelle quali è giusto che si lasci campo libero all’esuberanza dei piccoli.

fonte immagine

Pensiamo per esempio ai mesi estivi: da settembre a maggio i bambini sono stati quasi sempre chiusi in classe e a casa, piegati sui libri e sui quaderni, stressati da maestre troppo esigenti e da genitori troppo ansiosi.

Quando arrivano le vacanze è cosa buona e giustissima allentare le briglie e fare in modo che possano sfogare come desiderano la loro naturale voglia di vivere e di giocare.

Fateli correre, saltare, urlare, strillare, ridere, rotolarsi per terra e chi più ne ha, più ne metta.

Tra l’altro se durante il giorno spenderanno tutte queste energie, la sera cascheranno dal sonno e non sarà un problema addormentarli, il che vi lascerà più tempo per voi e per le vostre attività: guardare un bel film in tivù, invitare gli amici a cena, fare l’amore.

 

Ma come si diceva sopra, c’è modo e modo. Se d’estate lasciate che i piccoli si sfoghino, questo non vuol dire che possano essere lasciati liberi in tutte le occasioni.

Se andate al ristorante, dovranno sedere composti e parlare con un tono di voce normale. Se li portate al cinema, idem. Se li portate al parco acquatico, stessa cosa.

LEGGI ANCHE:  Queste 8 abitudini fanno invecchiare prima del tempo.

Quel che stiamo dicendo è che un conto sono le occasioni in cui sotto la vostra supervisione i bambini stanno per conto loro e si scatenano. Un altro sono quelle in cui i piccoli devono mischiarsi e interagire con le altre persone, soprattutto adulti e anziani.

I quali adulti e anziani hanno tutto il diritto di non essere infastiditi da ragazzini troppo turbolenti.

Insomma, sì a bambini vivaci e chiassosi nelle occasioni giuste, quando sono da soli e non disturbano nessuno.

No a urla e a corse a perdifiato se siete impegnati in occasioni sociali che coinvolgono anche degli adulti.

È semplicemente una questione di buona educazione.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...