I fanghi anticellulite: scopri come funzionano e come usarli

I fanghi anticellulite: scopri come funzionano.

I fanghi anticellulite sono fanghi composti da una parte argillosa ricca di sostanze attive e da una parte di acqua termale.

Sono conosciuti e usati fin dai tempi antichi per le loro svariate proprietà estetiche e curative.

I fanghi anticellulite: scopri come funzionano

Qui tratteremo della particolare categoria dei fanghi anticellulite e contro la ritenzione idrica: applicati per un tempo sufficientemente lungo e con continuità, di solito offrono buoni miglioramenti.

I fanghi anticellulite sono composti in genere da:

una parte di acqua termale: può trattarsi di acqua sulfurea, clorurata, solforosa, salsoiodica, ferruginosa o arsenicata. In alcuni casi si può anche trattare di acqua salata di mare o semplicemente di acqua minerale. Il tipo di acqua ha a che fare con le differenti indicazioni della cura;

e da una parte solida: si tratta di argilla da un lato e di batteri, alghe o humus dall’altro.

A questi componenti base, spesse volte si aggiungono principi attivi naturali. Si può trattare per esempio di: centella asiatica, mirtillo nero, ippocastano, edera, arancio dolce, tè verde.

Sono tutte sostanze di origine naturale che sono note per produrre effetti positivi sulla cellulite, perché stimolano il microcircolo e sono antinfiammatorie.

I fanghi agiscono sulla microcircolazione per via del calore da loro stessi generato e anche grazie agli oli essenziali che spesso si aggiungono al composto di base.

Il fango non solo scalda la pelle, ma le cede le sostanze che possiede; inoltre assorbe le tossine che si liberano col sudore e migliora il microcircolo. La componente argillosa, in particolare, restituisce ai tessuti elasticità e tono e purifica la pelle dalle scorie.

Sottoporsi a questi trattamenti in maniera abituale migliora decisamente la cellulite. Già dopo le prime applicazioni di solito la pelle appare più liscia, tonica ed elastica. Molto evidenti, in particolare, i benefici che apportano i fanghi nel caso della pelle a buccia d’arancia.

LEGGI ANCHE:  Effettua Una Pressione Su Determinati Punti Del Viso In Base Alla Zona Del Corpo Dolorante

Come si applicano

Meglio non affidarsi al fai da te. Non mancano di certo le spa e le terme in cui personale specializzato può prendersi cura di voi. Tra l’altro alcuni trattamenti sono anche mutuabili.

Di solito i fanghi anticellulite si applicano seguendo queste tappe:

si fa una doccia calda e ci si asciuga per bene prima del trattamento;

ci si stende sul lettino;

l’addetto/a applica il fango sulla parte interessata a una temperatura tra 40 e 45 gradi, usando un pennello a setole morbide;

l’addetto massaggia con una certa energia per riattivare la circolazione e favorire l’azione curativa del fango;

il fango rimane in posa per almeno una mezz’ora: per non farlo raffreddare, il corpo si avvolge in teli o pellicole;

passata la mezzora (o più, dipende), si fa una doccia tiepida, così da eliminare il fango che nel nel frattempo si è seccato;

infine si rimane sdraiati per circa trenta minuti ben coperti con un telo caldo.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...