Il Miele fa male! Ecco a cosa potete andare incontro se…

Vi siete mai chieste se il miele faccia male? Conosciamo i tanti benefici che apporta all’organismo umano: è utile, specie nella stagione fredda, per lenire mal di gola e donare sollievo immediato. E’ noto per le sue preziose qualità, questo è certo alla maggioranza delle persone ma, mangiarlo regolarmente, dunque ogni giorno, ha degli effetti differenti, non sempre positivi!

Siete curiose di scoprire quali? Allora non vi resta che continuare la lettura di seguito e scoprire tutto sul famoso “nettare degli Dei”!!

Il Miele fa male? Ecco cosa può succedere se mangiato quotidianamente

Il miele è un alimento a lunga conservazione, addirittura può mantenersi inalterato per molti anni, specialmente se posto all’interno di un contenitore scuro, lontano dall’umidità, dalla luce e dalle fonti di calore.

Se consumato ogni giorno si possono riscontrare molti benefici. Tra i più noti ricordiamo una migliore qualità del sonno, migliore capacità mnemoniche, nonché valido amico della pelle.

Ovviamente, come ogni alimento, non bisogna abusarne! Per godere delle sue proprietà, bisogna assumerlo in un quantitativo limitato, ad esempio usandolo al posto dello zucchero per dolcificare bevande quali te o tisane, e non oltrepassare la dose raccomandata!

Il miele fa male

In caso contrario,con un uso eccessivo, questo prezioso nettare può portare a degli effetti indesiderati, specie in persone soggette ad allergie e problemi di salute. Per esempio:

  • Aumento del diabete: se presentate un’alterazione del metabolismo del glucosio, l’uso del miele è fortemente sconsigliata! infatti farà aumentare la glicemia nel sangue alzando i livelli di zucchero!
  • Soggetto intollerante: vi sono persone particolarmente soggette a reazioni pericolose da miele. Meglio accertarsi di tollerarlo bene.
  • Allergia alla polvere: se siete tra coloro che soffrono di allergia agli acari della polvere il miele potrebbe essere pericoloso. In questo caso si parla di allergie crociate, che possono provocare molti danni alla salute nei soggetti sensibili.
  • Nei neonati: una vecchia “usanza” era quella di intingere il ciuccio del bebè nel miele per poi farlo succhiare al bimbo in modo da tranquillizzarlo. Ebbene, questa pratica è altamente sconsigliata nei neonati fino al primo anno di vita!

 

 

Queste idee valgono oro… Altro che lattine!