Il rimedio tibetano per curare emicrania, cefalea e molti altri disturbi comuni.

L’aglio è un alimento che andrebbe consumato tutti i giorni, meglio crudo, ma a causa del cattivo odore che lascia molti non lo mangiano. L’aglio ha molte proprietà benefiche e queste sono state sfruttate dai monaci del Tibet che hanno realizzato una ricetta per una “cura miracolosa” a base di aglio e alcool.

Si tratta di un preparato semplice da preparare che sfrutta le importanti proprietà mediche dell’aglio, infatti aiuta ad abbassare la pressione arteriosa e favorisce la circolazione, aiutando ad evitare lo sviluppo di emboli; aiuta a diminuire i trigliceridi nel sangue e il colesterolo “cattivo” (LDL) e ad aumentare invece il colesterolo buono (HDL).

La cura tibetana presenta anche una funzione depurativa: migliora il funzionamento del fegato e dei reni; riduce la ritenzione idrica; purifica l’apparato gastrointestinale; aiuta a rimuovere il grasso e aumenta l’efficacia del sistema immunitario.

Preparazione della cura tibetana aglio e alcool

Avrete bisogno solo di 2 semplici ingredienti: 

– 350 grammi di aglio crudo

– 250 ml di alcool per uso alimentare a 70 gradi.

PREPARAZIONE

Sbucciate l’aglio e trituratelo o pestatelo. Ponetelo in una bottiglia o in un contenitore di vetro con chiusura ermetica con l’alcool. Dopodiché fatelo riposare in frigo per 10 giorni, trascorsi questi il preparato avrà una colorazione verdognola. Filtratelo utilizzando una garza e ponetelo in frigorifero dove dovrà riposare per altri tre giorni.

Dopodiché potrà essere utilizzata stando però attenti alle quantità e alla modalità d’uso.

Come seguire la cura tibetana

Il preparato di aglio e alcool va assunto in gocce, mischiando con un po’ d’acqua, 20 minuti prima dei pasti principali tre volte al giorno.

Ecco qui lo schema per assumere le gocce:

  • Primo giorno: 1 goccia prima della colazione, 2 gocce prima del pranzo, 3 gocce prima della cena
  • Secondo giorno: 4 gocce prima della colazione, 5 gocce prima del pranzo, 6 gocce prima della cena
  • Terzo giorno: 7 gocce prima della colazione, 8 gocce prima del pranzo, 9 gocce prima della cena
  • Quarto giorno: 10 gocce prima della colazione, 11 gocce prima del pranzo, 12 gocce prima della cena
  • Quinto giorno: 13 gocce prima della colazione, 14 gocce prima del pranzo, 15 gocce prima della cena
  • Sesto giorno: 16 gocce prima della colazione, 17 gocce prima del pranzo, 18 gocce prima della cena
  • Settimo giorno: 12 gocce prima della colazione, 11 gocce prima del pranzo, 10 gocce prima della cena
  • Ottavo giorno: 9 gocce prima della colazione, 8 gocce prima del pranzo, 7 gocce prima della cena
  • Nono giorno: 6 gocce prima della colazione, 5 gocce prima del pranzo, 4 gocce prima della cena
  • Decimo giorno: 3 gocce prima della colazione, 2 gocce prima del pranzo, 1 goccia prima della cena
LEGGI ANCHE:  Fibromialgia: oggi tutti al Pirellone per saperne di più

A partire dall’undicesimo giorno la dose è la stessa per tutte e tre i pasti: 25 gocce prima della colazione, 25 gocce prima del pranzo, 25 gocce prima della cena e si continua nei giorni seguenti con queste quantità e allo stesso modo fino a quando non sarà finito il preparato.

Controindicazioni

All’inizio della cura possono verificarsi alcuni effetti collaterali come mal di testa ed eruzioni cutanee, ma nel giro di qualche giorno dovrebbero andar via (consultare il medico). Bevete sempre tanta acqua per favorire la depurazione.

Prima di iniziare la cura tibetana è bene consultare un esperto (medico o naturopata) e andrebbe evitata da alcuni soggetti: donne in gravidanza e bambini, chi soffre di ulcere digestive ed irritazioni gastriche, se si assumono anticoagulanti e in caso di intolleranza o allergia all’aglio.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...