Il secondo figlio è più indisciplinato del primo, lo dicono gli esperti e i genitori confermano

Essere figli unici può avere i suoi vantaggi (un sacco di attenzioni tutte concentrate su di te), ma alla lunga non è una situazione ideale, soprattutto perché quando l’età avanza non hai l’appoggio di fratelli o sorelle, che nelle strette della vita talvolta può rivelarsi indispensabile.

Certo, puoi trovare sostegno in tua moglie o tuo marito, o nei figli, ma non è la stessa cosa. Tra fratelli ci sono un’intesa e una complicità che difficilmente possono trovarsi in altre relazioni, compresa quella tra persone sposate.

Se però avete la fortuna di avere fratelli, allora è anche probabile – statisticamente probabile – che il vostro essere primogeniti vi possa portare dei vantaggi. Nel senso che le analisi condotte su vari database di Paesi diversi mostrano che i secondogeniti in genere hanno risultati scolastici meno brillanti e quindi anche una minor riuscita nella vita.

Insomma, pare proprio che l’ordine nel quale si viene alla luce abbia la sua importanza nel favorire o intralciare il successo nel mondo.

La causa di ciò può forse rintracciarsi nel fatto che i secondogeniti sono costantemente messi a confronto coi fratelli maggiori e questo può generare in loro un sentimento di frustrazione prima e di ribellione poi, ciò che può dare luogo a comportamenti potenzialmente irregolari e suscettibili di mettere la persona in rotta di collisione con la legge, o comunque con le regole.

Può anche contribuire il fatto che i genitori possono mostrarsi più arrendevoli e indulgenti verso i figli più piccoli.

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università della California sembra corroborare questa conclusione: pare infatti – dice questa pubblicazione – che i secondogeniti abbiano effettivamente meno successo a scuola e nel lavoro rispetto ai fratelli più grandi.

LEGGI ANCHE:  Alcuni trucchi psicologici per superare l’ansia e l’isolamento da Coronavirus

Tra l’altro, per non confrontare le mele con le pere, i bambini analizzati provenivano da famiglie con pari opportunità educative e pari istruzione.

Allo studio della UCLA va poi affiancata una ricerca analoga condotta dal Massachusetts Institute of Technology. Qui gli scienziati hanno scoperto un collegamento tra l’ordine di nascita dei figli e la probabilità di avere problemi con la legge. Secondo loro i secondogeniti avrebbero il 40 per cento in più di probabilità di incorrere in guai con la legge.

Più precisamente, confrontando dati presi dalla Danimarca e dalla Florida, i ricercatori del MIT hanno concluso che «nelle famiglie con due o più figli i secondogeniti hanno una maggiore possibilità, tra il 20 e il 40 per cento in più, di incorrere in problemi disciplinari a scuola e di entrare nel sistema della giustizia penale rispetto ai primogeniti».

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...