Ecco il trucco per scoprire se le scarpe col tacco che stai per acquistare sono comode

Tutte avranno acquistato almeno una volta nella vita delle scarpe alte e si saranno poi ritrovate con dolori ai piedi e bolle dopo averle indossate. Anche se prima di acquistarle in negozio sembravano davvero perfette. Le cose cambiano quando le si tiene ai piedi per un bel po’ di tempo.  Le donne amano molto le scarpe alte, dona loro una maggiore sensualità e femminilità. Molto spesso però rinunciano ad indossare i tacchi alti a causa del dolore e crampi ai piedi che esse le procurano. Nella maggior parte dei casi quindi, invece che continuare a soffrire, si decide di non indossarle più e si punta così sulla comodità di un paio di sneakers o semplici infraditi.

Questo articolo è rivolto a tutte le donne che non vogliono rinunciare alle scarpe alte ma che, allo stesso tempo, non vogliono soffrire di mal di piedi.come-camminare-con-tacchi-alti-senza-dolore-9

Esiste un metodo ben preciso per acquistare solo i modelli di scarpe comode che non vi procurerà dolore. Questo metodo si basa su una questione di centimetri. Basterà infatti misurare la distanza tra suola e tacco poiché è proprio questa che determina la pendenza e, quindi, di conseguenza la comodità della scarpa. Più questa distanza aumenta, più la scarpa sarà comoda.

Il peso del corpo infatti viene distribuito equamente su tutto il piede, dalla caviglia alla punta solo quando questa distanza supera i 3 centimetri. Quando invece questa distanza sarà inferiore ai 2,5 centimetri, il peso del corpo poggerà soprattutto sulle dita causando poi dopo un po’ crampi, contusioni, dolori ai piedi e alla schiena. Vi consigliamo quindi, la prossima volta che acquisterete un paio di scarpe alte di portarvi dietro un metro da sarta così da misurare la distanza che c’è tra suola e tacco. Vedrete che non soffrirete più di dolore da tacchi alti e riuscirete a trovare sicuramente un paio di décolleté davvero confortevoli.

LEGGI ANCHE:  Mani arrossate e screpolate: tutti i consigli per curarle in modo naturale

 

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...