Imma Tataranni, esordio col botto: prima negli ascolti RAI

Ottimi ascolti nella serata di ieri, domenica 22 settembre, per la prima puntata di Imma Tataranni – Sostituto procuratore su RAI 1. Non è ancora uscita la percentuale esatta, ma la nuova fiction, risposta femminile (e femminista) al Commissario Montalbano nata dalla penna di Mariolina Venezia, diretta da Francesco Amato e con protagonista l’attrice Vanessa Scalera, è stato il programma RAI più visto della serata. Ottime anche le “recensioni” lette sui social (su Twitter, per esempio).

Testa a Testa con Non è la D’Urso su Canale 5. Barbarella inchioda ancora i telespettatori alla TV.

Ma quale è stata la trama del primo episodio di Imma Tataranni? Questo magistrato dai capelli rossi, “tosto” ma anche fuori dagli schemi, semplice e simpatico, si muove nella suggestiva cornice della “sua” Matera, che tra l’altro è capitale europea della Cultura.

Si trova in vacanza al “Lido delle Sirene” a Metaponto quando, dal lettino da spiaggia, vede galleggiare qualcosa in mare. L’oggetto misterioso risulterà essere un dito mozzato, con sopra dei tatuaggi. L’episodio s’intitola appunto “L’estate del dito”.

Il magistrato deciderà di tornare alla Procura di Matera e di far partire le sue indagini. Anche perché pochi giorni dopo il macabro ritrovamento, ce ne saranno altri in altre zone della città. In particolare un braccio e una gamba, che le analisi dell’anatomopatologo, dottor Taccardi, dimostreranno essere della stessa persona.

Il contesto in cui Imma e il suo giovane braccio destro, Ippazio Calogiuri (Alessio Lapice), agiranno, è quello dell’immigrazione, della prostituzione e del caporalato nei campi di pomodori. Aida, la giovane di origine marocchina uccisa, è stata fatta a pezzi perché non voleva sottostare alle violenze sessuali del suo “datore di lavoro” in un’ “azienda agricola”

LEGGI ANCHE:  Filippo Gili: vita privata, biografia, carriera, Instagram e curiosità sull'attore e regista fidanzato di Vanessa Scalera (Imma Tataranni)

Proprio qui verranno ritrovate le altre parti del corpo della ragazza, tranne il bacino.

Bando ai buonismi, perché nell’intricata vicenda è coinvolto fino al collo Saverio Romaniello, capo di una ong umanitaria. Un insospettabile. L’inquietante personaggio è interpretato da Cesare Bocci, già volto della “spalla” del Commissario Montalbano Mimì Augello.

La fiction Imma Tataranni è visibile anche su RaiPlay e la prima puntata è già online. La seconda sarà domenica prossima, 29 settembre.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...