Redazione Contatti Impostazioni Privacy

INCREDIBILE!!! I mozziconi di sigaretta trasformati in fertilizzante. Ecco come

Pubblicità
227145_171595742894138_7295442_n http://www.labioguia.com/%5B/caption%5D

Ogni anno milioni e milioni di cicche di sigaretta vengono gettate per strada contribuendo così all’inquinamento dell’ambiente. Questi rifiuti, infatti, non sono biodegradabili e non fanno altro che rilasciare sostanze tossiche che influiranno sulla salute di noi tutti.

Il professore in Biotecnologie Daniel Sandoval ha scoperto che l’acido nicotinico contenuto nei mozziconi di sigarette ha un grande potenziale per accelerare la crescita delle cellule e dei processi metabolici.

Pubblicità

In seguito a questa ricerca nacque nel 2010 Smokebox, la prima azienda al mondo ad offrire servizi di riciclaggio degli scarti di sigaretta. Le cicche raccolte vengono utilizzate per aumentare le dimensioni della produzione di mirtillo, che in Sudamerica costituisce uno dei principali mercati con richiesta di export verso l’Asia.

La creatività e la ricerca hanno in questo modo cambiato il destino del mozzicone di sigaretta: da elemento estremamente inquinante a catalizzatore delle colture e di conseguenza dell’economia.

Come funziona?

Ogni mozzicone viene sottoposto ad una serie di processi (fisico, chimico, termico) che permette di separare i metalli pesanti dall’acido nicotinico, trasformando questo materiale da tossico a non tossico.

La molecola ottenuta è utile per scopi agricoli: viene prodotto in forma liquida con lo scopo di essere nebulizzato sulle piante.

Ma il lavoro di Sandoval non finisce qui: la sua squadra sta lavorando anche sul riciclaggio delle batterie, un altro dei più grandi problemi dell’ambiente. Per quanto riguarda le batterie, il team del professore cileno è ancora nella fase di ricerca, ma i risultati ottenuti da semplici mozziconi di sigaretta fanno ben sperare anche per questa nuova esperienza!

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...