Isabella Ferrari parla per la prima volta della sua malattia: “All’improvviso non riuscivo più a muovere le gambe”

Isabella Ferrari

In una recente intervista a Vanity Fair Isabella Ferrari, classe 1964, parla per la prima volta della grave malattia che l’ha duramente provata in questi ultimi anni.

L’inizio è drammatico. Succede che una mattina l’attrice si sveglia e non riesce più a muovere le gambe.

A quel punto tutto evolve molto in fretta, anzi, precipita. Comincia il calvario delle visite dai vari dottori e delle diagnosi che si contraddicono a vicenda.

Una storia che per la Ferrari si ripete non solo in Italia, ma anche all’estero. L’attrice manda perfino il suo sangue negli Stati Uniti, per farlo analizzare.

A un certo punto arrivano dei dolori fortissimi, lancinanti. È necessario sottoporsi a una “cura” (solo sintomatica, però) di cortisone.

Una notte, era il 2 giugno, la ricoverano d’urgenza in un ospedale romano. Lì avviene l’incontro col medico più importante, quello che finalmente le dà la diagnosi giusta. Che però non è affatto buona.

Qual è il nome della malattia di Isabella Ferrari?

Isabella ferrari si rifiuta di dire il nome della patologia a Vanity Fair, perché ricorda come ha reagito lei all’annuncio, ovvero precipitandosi su internet e cadendo preda dell’angoscia e dello spavento nel leggere le caratteristiche della sua malattia.

La terapia suggerita dal dottore è pesante e anche pericolosa e può funzionare solo in una percentuale dei casi.

L’attrice decide di non seguirla e parte per Pantelleria. Isabella va avanti a cortisone e si sente davvero bene, ma poi le cose precipitano e l’attrice è costretta a rientrare a Roma per cominciare la cura.

“Ogni mattina, per due anni, sono andata in quell’ospedale”, ricorda Isabella Ferrari. Alla fine la sua voglia di combattere e di vivere sono state più forti della malattia e l’attrice ne è uscita.

LEGGI ANCHE:  Uomini e Donne, Tina Cipollari in crisi col compagno Vincenzo Ferrara per via di Kikò Nalli? Rispondono i diretti interessati.

Ma è stata durissima. La lezione che ne ha ricavato è presto detta: “Non devi aver paura di morire, perché quella che ti frega è la paura di vivere”.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...