Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Giappone, nella città di Shizuoka si trova la casa per anziani più bella del mondo

Pubblicità

In un Paese, il nostro, in cui sono almeno cinquant’anni che le città sono deturpate dai geometri, dagli assessori all’urbanistica e dall’incuria, vedere dei progetti architettonici belli e funzionali sembra quasi fantascienza.

Eppure da altre parti (si pensi alla Scandinavia) questa è la normalità. Quelli strani siamo noi, in altre parole.

Pubblicità

Possiamo prendere il caso di una casa di riposo tutta particolare progettata dall’architetto giapponese Issei Suma.

Si tratta di una struttura in calcestruzzo e ricoperta di legno che si inserisce con grazia nel paesaggio montano. L’obiettivo di Suma è stato quello di collocare l’edificio nell’ambiente naturale creando il minore impatto possibile.

Si chiama Jikka e si tratta in sostanza di una specie di cottage progettato e costruito a beneficio di due anziane signore in pensione, che nei loro anni giovanili hanno lavorato come cuoca e assistente sociale.

casa-riposo-shizuoka-04

La casa, che sorge in mezzo a un bellissimo bosco giapponese, ha una superficie di cento metri quadrati ed è dotata di un impianto di illuminazione che assicura una luce calda e accogliente.

Pubblicità

La residenza è in realtà divisa in cinque cupole separate che offrono alle signore e a chi le assiste un ambiente di vita comodo e funzionale.

Ci sono una cucina, una sala da pranzo, una camera da letto comune, una stanza per i servizi e un bagno.

Nella casa viene preparato il mangiare per gli anziani che abitano nei paraggi. Jicca è rivolta a tutti loro.

Molto bella ma anche molto comoda, per esempio, è la piscina interna costruita con uno scivolo digradante a forma di chiocciola che permette di entrarvi in sicurezza anche a chi è in carrozzina.

Naturalmente la forma delle cupole è stata pensata per inserirsi senza strappi nell’ambiente silvestre che le circonda.

casa-riposo-shizuoka-06

In un Paese in cui l’ultima classe dirigente con un pensiero architettonico degno di questo nome è stata quella fascista, sembra davvero fantascienza.

casa-riposo-shizuoka-03

Che invidia. E che tristezza.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...