La passata di pomodoro senza glifosato: la scelta dei consumatori

la scelta etica dei consumatori AdobeStock 26115399

La passata di pomodoro senza glifosato: la scelta dei consumatori

Una passata senza glifosato e senza sale, venduta a un euro e 27 centesimi (per mezzo chilo), e che garantisce la giusta remunerazione ai produttori. È l’ultima iniziativa “commerciale” dell’associazione di consumatori “Chi è il padrone? Marca del consumatore”.

la scelta etica dei consumatori passata dei consumatori

Per il momento questa nuova passata equa e solidale è venduta solo nei supermercati Carrefour; contiene pomodori coltivati nelle province di Ravenna e Ferrara ed è prodotta da Fruttagel.

Le caratteristiche della passata sono state decise da “Marca del consumatore” consultando più di duemila iscritti all’associazione, come del resto già era avvenuto per la pasta, anche quella venduta per iniziativa della “Marca del consumatore”.

Il movimento “Chi è il padrone?” è nato in Francia nel 2016 e ad oggi è presente in dieci Paesi e tre continenti. Il suo obiettivo, abbastanza ovvio, è restituire dignità di protagonisti ai consumatori, facendone dei protagonisti nell’industria agroalimentare. L’augurio è che oltre a Carrefour aderiscano all’iniziativa anche altre sigle della grande distribuzione.

la passata di pomodoro senza glifosato

Come si è arrivati all’identikit della nuova passata

All’identikit della nuova passata l’associazione è arrivata sottoponendo ai suoi iscritti un questionario dettagliato nel quale ciascun socio doveva indicare le caratteristiche del prodotto che desiderava e anche il prezzo.

Le risposte più significative: il 93,2 per cento degli intervistati ha detto che i pomodori avrebbero dovuto essere italiani; l’81,8 che bisognava garantire i diritti dei lavoratori e la giusta remunerazione per i produttori; il 64,8 che i pomodori avrebbero dovuto essere coltivati coi metodi dell’agricoltura sostenibile; con pomodoro fresco (71 per cento); con una confezione di vetro (65 per cento); senza sale (70,5%) né aromi (85%).

LEGGI ANCHE:  A 107 anni rivela il suo segreto per vivere così a lungo: essere single

la scelta etica dei consumatori PLV ENSEIGNES sauce tomate Italie 11 01 2021 649x1024 1

La Passata di pomodoro dei Consumatori è in vendita in una confezione da mezzo chilo e con un’etichetta in carta riciclabile certificata FSC™ (Forest Stewardship Council™).

A chi vanno i soldi

Il prezzo, si diceva, è 1,27 euro. Così suddivisi: 0,8307 ripartiti tra industria di trasformazione, logistica e distribuzione; 0,13 centesimi al produttore, ovvero 130 euro a tonnellata (il 30 per cento in più rispetto al prezzo medio di mercato); 0,19 centesimi per la confezione; 0,0635 euro all’associazione “Chi è il padrone?! La marca del consumatore”; e infine 0,0508 centesimi sono l’Iva.

Non basta: i consumatori hanno anche deciso che 0,005 centesimi per confezione vadano a persone e famiglie in condizioni di difficoltà economica.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...