Redazione Contatti Impostazioni Privacy

La radice di miswak: un vero toccasana per i tuoi denti. Ecco come usarla!

Pubblicità

La radice di miswak: lo spazzolino naturale per i tuoi denti.

È una radice o ramoscello che gli arabi da tempo immemore adoperano come uno spazzolino da denti naturale. Si chiama miswak e si ricava dalla pianta Salvadora persica. Ha una certa efficacia antibatterica e può aiutare contro la formazione della placca, ma la sua funzione principale, sotto forma di ramoscello, è la pulizia dei denti.

 

Pubblicità

È efficace, non costa molto e per lo meno nei Paesi da cui proviene si trova comunemente.

Trova largo impiego nei Paesi musulmani: nella penisola rabica, nel Corno d’Africa, nel Sahel, ma anche in India, nell’Asia centrale, nel Sud-Est asiatico e in Malesia.

La radice di miswak: lo spazzolino naturale per i tuoi denti

L’Organizzazione mondiale della sanità ne raccomanda l’uso dal 1986, ma nel 2000 si è concluso che c’era bisogno di altre ricerche per documentare l’effettiva efficacia di questa radice.

Uno studio condotto su 200 persone del Sudan ha concluso che usare il miswak era più efficace dello spazzolino da denti convenzionale e un altro condotto su quasi 500 sauditi ha mostrato che le loro bocche erano complessivamente in uno stato migliore rispetto a quelle di persone appartenenti ad altre popolazioni che usano invece lo spazzolino.

La pianta del miswak è una specie sempreverde che cresce comunemente nelle zone aride di tutta l’Africa, del Medio Oriente, della Penisola Araba e dell’Asia tropicale, ma soprattutto in Pakistan; la corteccia è bianco-giallastra o grigia e ha un profumo piuttosto piacevole, oltre che un gusto pungente.

Pubblicità

Molti musulmani credono che l’uso del miswak sia stato loro raccomandato dallo stesso Profeta, per cui in molti Paesi islamici usare questa radice per l’igiene orale ha un significato pressoché religioso.

Per la pulizia orale i rametti della Salvadora Persica vengono scortecciati nella parte terminale fino a scoprirne le fibre sottostanti, dopodiché sono già pronti all’uso.

Prima si masticano, per ammorbidirli, dopodiché si strofinano sui denti: come con lo spazzolino, riescono a pulire i denti per azione meccanica.

Quando, dopo un po’ che si usa il bastoncino, le setole cominciano a cambiare colore, non si fa altro che tagliare il bastoncino e ricominciare con le nuove fibre (fino a che la lunghezza del bastoncino lo permette, ovviamente).


Potrebbe interessarti anche...