Redazione Contatti Impostazioni Privacy

“La stanza”, il libro di Michela Goretti che parla di violenza sulle donne

Il libro “La stanza. Una storia vera” di Michela Goretti, uscito il 31 marzo 2020, non è solo un racconto di violenza subita, ma un lavoro che affronta da un punto di vista inedito una storia realmente accaduta di abusi fisici e psicologici. E lo fa con tutta la delicatezza che ci vuole per affrontare un tema delicato come quello della violenza sulle donne attraverso dei flashback.  Il libro è promosso dall’agente letterario Eleonora Marsella.

Il libro “La stanza” Di Michela Goretti

La protagonista de “La Stanza” instaura un insolito ma risolutivo rapporto con la parte di sé bambina, reclusa a lungo per poter dimenticare i disagi fisici e psicologici subiti in passato, recuperando, attraverso questa inaspettata convivenza, la fiducia in se stessa e nella vita e riprogrammando nuovi obiettivi da perseguire.

Il libro è articolato in flashback scritti in corsivo in cui la bambina ripercorre i momenti più difficili degli abusi subiti, sottolineando come attraverso la sua straordinaria fantasia riesce a sconfiggere il suo “mostro” creando mondi immaginifici in cui rifugiarsi.

“Il messaggio del libro – spiega la scrittrice –  è rappresentato dall’importanza di non tenersi dentro i traumi, perché i traumi inespressi con il tempo assumono sempre più potenza e la memoria tende ad enfatizzarli non a spegnerli. Chiunque sia vittima di abusi deve trovare il coraggio di aprirsi innanzi tutto con se stesso, accettare un’iniziale dolore per poi percorrere la via della presa di coscienza e della guarigione. Questo è fondamentale per non ritrovarsi ad essere persone “irrisolte” e per aver un approccio alla vita il più sereno e positivo possibile.”

L’autrice

Michela Goretti è nata a Firenze. E’ una giovane fotografa professionista diplomata all’Accademia di fotografia Marangoni di Firenze. Oltre ai lavori commerciali porta avanti progetti fotografici personali di fotografia artistica prevalentemente in bianco e nero.

Molti di questi progetti come “Rebirth” sono autoritratti astratti/concettuali che espone in mostre personali e collettive in Italia e all’estero. “Rebirth” in particolare porta in sé il tema del libro “La Stanza” ed ha inserito a tal proposito prima di ogni capitolo una delle foto di questo progetto.


Potrebbe interessarti anche...