La tinta naturale fai da te: schiarisce i capelli in pochissimi minuti

tinta fai da te

La tinta naturale per schiarire i capelli in pochissimi minuti.

Le donne che cambiano frequentemente colore dei capelli spesso notano che la loro capigliatura tende a indebolirsi. Con le tinture, infatti, i capelli spesso si sfibrano e possono danneggiarsi a volte in modo molto serio.

Questo accade un po’ per la eccessiva frequenza dei trattamenti e un po’ perché di solito le tinture industriali sono abbastanza aggressive, in quanto contengono sostanze chimiche che alla lunga possono creare problemi ai capelli.

Ma c’è una buona notizia ed è che è possibile schiarire i capelli in modo del tutto naturale, ovvero senza doverli sottoporre agli stress ripetuti causati dalle sostanze chimiche contenute nei prodotti commerciali. Qui di seguito ti illustriamo in poche parole come si può realizzare una tinta schiarente in modo perfettamente naturale e rispettoso dei capelli.

La tinta naturale per schiarire i capelli in pochissimi minuti

La ricetta per una tinta tutta naturale

Gli ingredienti necessari alla preparazione non sono molti: due cucchiai di cannella in polvere, due cucchiai di miele, quattro cucchiai di balsamo per capelli e due cucchiai di succo di limone.

Il procedimento è abbastanza elementare: si tratta di mescolare tutti gli ingredienti tra loro fino a che non si ottiene un composto ben omogeneo, dopodiché si prende questa specie di “pasta” e la si applica sui capelli adoperando un normale applicatore per tinture (o una semplice spazzola).

Dopo l’applicazione della tinta al miele la testa va protetta con una cuffia da doccia e si deve lasciare agire il prodotto per un due/quattro ore.

Passato questo lasso di tempo, si devono sciacquare i capelli con dell’acqua tiepida e poi li si devono lavare con uno shampoo neutro.

LEGGI ANCHE:  Colpi di luce fai da te: ecco i 5 ingredienti naturali low cost per farli in casa

Questa tinta naturale è molto sicura, si può applicare due volte a settimana e di solito non ha alcun effetto collaterale.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...