Lavare il pollo fa aumentare il rischio di infezioni. Vi spieghiamo il perché

lavare il pollo fa aumentare AdobeStock 82988195

Lavare il pollo fa aumentare il rischio di infezioni?

La convinzione che lavare la carne prima di cucinarla sia una buona abitudine è opinione diffusa. Non c’è nulla di più sbagliato. In realtà in questo modo contaminiamo tutto ciò che c’è intorno compreso lavandino e superfici, con eventuali batteri.

Prendiamo per esempio il pollo. Il pollo potrebbe essere contaminato con il Campylobacter, un batterio assai diffuso i cui casi superano di parecchio quelli per salmonellosi, Escherichia Coli e Listeria. Tra l’altro c’è il rischio che i batteri abbiano sviluppato resistenza agli antibiotici dunque è il caso di fare parecchia attenzione.

L’infezione

La campilobatteriosi si manifesta dopo qualche giorno con diarrea, dolori addominali, febbre, vomito e mal di testa. I sintomi spariscono entro una settimana o anche dieci giorni ma ci possono essere anche conseguenze a lungo termine. Alcune di queste sono l’infiammazione di fegato e reni, artrite reattiva e una particolare malattia del sistema nervoso potenzialmente letale: la sindrome di Guillain-Barré.

lavare il pollo

Come evitare le infezioni

  • Prima di tutto separare la carne cruda da tutto il resto. Separare quindi il pollo nella parte posteriore del frigo, coprendolo ed evitando di farlo sgocciolare. Questo per evitare la “contaminazione incrociata” (cross contamination);
  • Non lavare il pollo crudo, la cottura basterà per eliminare tutti i batteri;
  • Lavare tutto ciò che è stato a contatto con il pollo crudo. Utensili, piatti, tagliere, tutto e lavarsi le mani con acqua calda e sapone;
  • Cuocere il pollo completamente. Per verificare sia cotto, basta tagliare dove è più spesso e vedere se la carne sia o meno ancora rosa e far scorrere meglio i liquidi.
LEGGI ANCHE:  Fai questo semplice esercizio solo 3 volte alla settimana e finalmente ti liberi del tuo dolore alla schiena. Io ne sono entusiasta!

In passato è stata condotta una campagna nel Regno Unito per cercare di sensibilizzare la gente al rischio di Zoonosi che ha coinvolto l’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) e l’ECDC (Centro Europeo per il Controllo delle Malattie). Fra tutte le Zoonosi, quella per campilobatteriosi è indubbiamente la più notificata.

Il Video della campagna: “La vita segreta di una cucina

Articolo revisionato dalla Biologa Nutrizionista Maria Di Bianco

 

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...