Le mamme possono ricevere da 80,00 a 400,00 Euro mensili per la famiglia su una Nuova Carta

Carta Sia, ecco chi spetta e come avanzare la domanda.

Dal giorno 2 settembre 2016, è possibile richiedere l’ottenimento della Carta Sia.

LA CARTA SIA RAPPRESENTA UNA MISURA ECONOMICA A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE DISAGIATE CON ALMENO UN MINORE, UN FIGLIO DISABILE O UNA DONNA IN ACCERTATO STATO DI GRAVIDANZA.

Si tratta dell’adesione ad un progetto di inserimento sociale finalizzato ad evitare la dispersione scolastica, orientato alla prevenzione e alla tutela della salute infantile, oltre che all’inserimento familiare nel tessuto socio-lavorativo.

Carta Sia famiglie povere

La Carta Sia garantisce alle famiglie più povere di poter effettuare pagamenti elettronici e\o di ottenere sconti  del 5% nelle farmacie, nelle parafarmacie, nei supermercati e in tutti i negozi che aderiscono al circuito Mastercard; ed inoltre nel concorrere al pagamento delle bollette elettriche.

Grazie alla Carta Sia è possibile essere agevolati sulla tariffa elettrica e basterà compilare un modulo di richiesta della Carta.

Gli acquisti comprendono i generi alimentari e tutti i beni che soddisfano i bisogni della prima infanzia.

CARTA SIA COME STRUMENTO DI SOSTENTAMENTO AL REDDITO.

La CartaSia può essere ottenuta anche dalle donne in stato di gravidanza, purché sia confermata da una documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica. La domanda deve essere presentata non prima dei quattro mesi dalla data presunta del parto.

Il sussidio economico è qui valutato pro capite e corrisponde ad 80,00€ a persona potendo arrivare sino ad un massimo di 400,00€ pari a 5 o più componenti della famiglia. Ovvero 80 euro a persona, 160 per 2 persone, 240 per 3 persone, 360 per 4 persone ed infine 400 euro per 5 membri o più della famiglia.

QUALI SONO I REQUISITI NECESSARI PER L’OTTENIMENTO DELLA CARTA SIA?

  • Il richiedente deve essere cittadino italiano o comunitario oppure titolare di un valido diritto di soggiorno o permesso di soggiorno riconosciuto dalla CE e deve essere residente in Italia da almeno 2 anni.
  • Il richiedente deve avere un ISEE inferiore o uguale a 3mila euro.
  • E non deve essere destinatario di ulteriori benefici economici rilevanti.

A norma di legge il valore complessivo di altri trattamenti economici eventualmente percepiti deve rimanere inferiore ai 600,00€ mensili.

  • Non possono avere accesso alla Carta Sia i disoccupati già beneficiari della NASPI, dell’ASDI o altri strumenti di sostegno al reddito di disoccupazione.
  • Affinché la richiesta di accesso al beneficio della Carta Sia possa essere accolta, il richiedente non deve poter vantare il possesso di beni durevoli e di valore:

nessun componente del nucleo familiare deve possedere autoveicoli immatricolati la prima volta nei 12 mesi antecedenti la richiesta; e nessun componente del nucleo familiare deve possedere autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati nei tre anni antecedenti la domanda.

La domanda per l’ottenimento della Carta va inoltrata al Comune di residenza. Il Comune poi si incaricherà di inviare le documentazioni all’INPS. I richiedenti otterranno dei punti, per poter ottenere il beneficio il punteggio dovrà essere uguale o superiore a 45 punti. 

LEGGI ANCHE:  Oroscopo di Paolo Fox di oggi 15 settembre 2020

carta sia famiglie povere

La Carta Sia rientra nel circuito Mastercard, ha un titolare e un codice Pin. Il Pin verrà inviato al titolare della carta via posta. E l’accredito della somma spettante verrà inviata da Poste Italiane ogni bimestre.

Si rinvia all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale per il modulo e la richiesta della Carta Sia.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...