Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Le tre alternative naturali alla farina bianca

tre alternatibve alla farina
Pubblicità

Le tre alternative naturali alla farina bianca.

Per farina bianca o raffinata si intende la farina a base di grano tenero. Quella che si ricava dal frumento duro si chiama semola.

La farina si ricava dalla molitura dei semi crudi. A seconda del grado di raffinazione si possono avere: farina integrale, di tipo 2, di tipo 1, di tipo zero (0) e di tipo doppio zero (00). La farina più “bianca” è quella di tipo doppio zero. Dopo la raffinazione rimangono più carboidrati e meno grassi, fibre, proteine e vitamine.

Pubblicità

È per questo che comunemente si dice che la farina raffinata è un alimento ricco di calorie “vuote”, nel senso che dà molta energia e pochi micronutrienti.

La vulgata corrente dice che il consumo di farina raffinata è tra i responsabili dell’obesità e delle malattie del metabolismo (su tutti il diabete) nei Paesi ricchi. Allo stato attuale della ricerca non pare che la correlazione sia così diretta, ma come che sia, è utile sapere che esistono delle alternative alla farina raffinata.

Forse vale la pena provarle anche solo per variare la dieta e sperimentare sapori nuovi.

Le tre alternative naturali alla farina bianca

Tre buone alternative naturali alla farina raffinata sono la farina di cocco, quella di grano saraceno e quella di mandorle.

Pubblicità

La farina di cocco

La farina di cocco è la polvere che si ricava dalla macinatura della polpa essiccata della noce di cocco; non è propriamente una farina, ma può essere adoperata per prenderne il posto; è ricca di proteine e di fibre e contiene inoltre grassi che possono far bene alla salute del cervello.

La farina di grano saraceno

È ricca di vitamina K e può aiutare a mantenere bassi i livelli di zucchero del sangue, aiutandoci a prevenire il diabete.

La farina di mandorle

Per consistenza è simile allo zucchero semolato: si ricava dalla macinatura delle mandorle crude; contribuisce a tenere basso il colesterolo e quindi può rivelarsi un fattore protettivo rispetto alle malattie circolatorie e al rischio di ictus; è buona fonte di magnesio e di fibra.


Potrebbe interessarti anche...