Leonardo: scopri come morì e che cosa accadde alla sua tomba

leonardo scopri come mori e da vinci vitruvius

Leonardo: scopri come morì e che cosa accadde alla sua tomba

Leonardo: scopri come morì per davvero. Mai dare in pasto alla tv (o anche al cinema, se è per questo) la vita dei grandi.

Ne fanno una pappetta insipida e la risputano senza alcun rispetto per la verità dei fatti, che poi è la verità delle persone e della storia.

leonardo scopri come morto davvero Leonardo gip

È quello che sta succedendo in questi giorni con la fiction “Leonardo” (con Aidan Turner e Matilda De Angelis) che va in onda su Rai Uno e che è stata rinnovata per una seconda stagione.

“Fiction” sembra proprio una definizione calzante, visto che quest’ultima versione televisiva della vita del genio di Vinci ha poco a che fare con la realtà storica e parecchio con la fantasia.

Niente a che fare col più che dignitoso “sceneggiato”, allora si chiamavano così, girato nel 1971 da Renato Castellani dal titolo “La vita di Leonardo da Vinci” e con protagonista un giovane e prestante Philippe Leroy. La fonte principale erano le Vite di Giorgio Vasari, scusate se è poco.

Ma veniamo alla morte di Leonardo e alle vicende della sua tomba.

Ora, Leonardo da Vinci mori in Francia il 2 maggio del 1519. La morte lo colse nella valle della Loira, precisamente nel castelletto di Clos-Luce, che era collegato attraverso una galleria sotterranea al più famoso castello reale di Amboise.

Pare che il re Francesco I la usasse spesso e volentieri, la galleria, per far visita a qualcuna delle sue giovani amanti.

Sulle cause della morte del genio italiano poco si sa con certezza. Sappiamo però che Leonardo cominciò a non sentirsi bene per lo meno da aprile, se è vero che il 23 di quel mese decise di dettare le sue ultime volontà.

LEGGI ANCHE:  GF Vip, Stefania Orlando in lacrime: Andrea Zelletta ed Elisabetta Gregoraci la rincuorano

leonardo scopri come mori e uomo vitruviano min

Dai documenti dell’epoca pare si possa concludere che il grande pittore rinascimentale (e non solo, ovviamente) avesse sofferto più di una ischemia cerebrale e probabilmente anche un vero e proprio ictus, che lo lasciò con la mano destra paralizzata.

Il re non c’era

Quando morì al suo capezzale il re non c’era. C’erano invece il suo biografo Francesco Melzi, un tale Battista de Villani e la serva Maturina.

Il corpo fu sepolto sull’isoletta di Nôtre Dame en Greve, in una chiesa piccola e luminosa nei pressi della Loira.

La chiesa fu purtroppo saccheggiata nel 1807 e le ceneri del genio toscano andarono disperse.

 

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...