Lo stress fa venire capelli bianchi? Ecco la risposta della scienza

Lo stress fa venire i capelli bianchi, vediamo perché.

Si racconta che la notte prima di salire sul patibolo i capelli di Maria Antonietta di Francia diventarono tutti bianchi.

 

Se è vero (ma non è sicuro), lo stress dell’imminente decapitazione avrà senza dubbio avuto una parte nell’improvviso cambio di colore.

Gli scienziati dicono che un cambiamento così repentino è abbastanza improbabile, ma non escludono affatto che lo stress possa giocare un ruolo nell’ingrigimento dei capelli.

 

Lo stress fa venire i capelli bianchi, ecco perché

Sembra che un team di scienziati americani e brasiliani abbia scoperto un nesso tra lo stress e i capelli bianchi.

Ma non basta: uno studio ha pure evidenziato un possibile modo per impedire che ciò accada.

Sembra che nel corso di esperimenti sui topi le cellule staminali che determinano il colore del pelo siano state danneggiate a seguito di uno stress piuttosto violento.

Insomma, è accaduto che topi dal pelo scuro sono diventati bianchi nel giro di poche settimane. La cosa ha ovviamente incuriosito gli scienziati, che hanno voluto indagare più a fondo.

 

L’obiettivo è quello di arrivare a sviluppare un medicinale che possa prevenire l’invecchiamento e la perdita di colore dei capelli.

In genere uomini e donne possono cominciare a imbiancare le chiome a partire dai 30 anni, più o meno, di solito un po’ prima gli uomini delle donne.

Si tratta di un fenomeno che spesso ha a che fare con la familiarità, nel senso che si diventa grigi più o meno alla stessa età in cui lo sono diventati i nostri genitori.

Sebbene la cosa dipenda largamente dai geni, anche lo stress può svolgere un ruolo nell’incanutirsi dei capelli.

LEGGI ANCHE:  Le 8 bevande naturali che accelerano tantissimo il metabolismo e riducono la cellulite

Gli autori della ricerca, pubblicata su ‘Nature‘ dalle Università di San Paolo e di Harvard, pensavano che il cambio di colore fosse da collegare alle cellule staminali dei melanociti, che producono melanina e sono responsabili del colore di pelle e capelli.

Solo che mentre eseguivano i loro esperimenti sui topi, si sono imbattuti nell’effetto dello stress.

S’è visto che il dolore innesca il rilascio di adrenalina e cortisolo, aumentando la pressione sanguigna e causando stress acuto.

Tutto questo a sua volta accelera l’esaurimento delle cellule staminali che producono melanina nei follicoli. Se le cellule staminali si perdono, il danno è permanente.

Analizzando i geni dei topi, gli scienziati sono anche riusciti a identificare la proteina che danneggia le staminali per via dello stress.

Quando questa proteina è stata soppressa, ciò ha impedito il cambiamento di colore del pelo.

La scoperta apre indubbiamente nuove e interessanti prospettive, ma prima che possa produrre risultati che si possano acquistare in farmacia, ci vorrà molto, molto tempo.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...