olio di borragine

L’olio di borragine: che cos’è e perché fa bene

L’olio di borragine: che cos’è e perché fa bene.

Che cos’è l’olio di borragine?

L’olio di borragine si estrae dai semi della pianta Borago officinalis. Possiede un elevato contenuto di acido gamma-linoleico, un acido grasso che si ritiene possa combattere le infiammazioni che sottostanno a molte malattie.

Caratterizzata da bei fiori blu a forma di stella, la borragine è una pianta autoctona sia in Europa che nel Nord Africa, ma dopo il 1492 è stata esportata anche nelle Americhe. Le parti erbacee della pianta sono edibili.

L’olio di borragine: che cos’è e perché fa bene

L’olio di borragine sembra promettere buoni risultati clinici per varie patologie: infiammazioni, acne, malattie cardiovascolari, eczemi, menopausa, rosacea, artrite reumatoide.

Ci sono racconti aneddotici (quindi non ancora comprovati scientificamente) circa l’impiego dell’olio di borragine anche per il trattamento di altre condizioni e disturbi, come per esempio l’epilessia, il diabete, la sindrome premestruale, la sclerodermia.

L’olio di borragine si può assumere o sotto forma di olio, ovvero liquido e in una boccetta, oppure sotto forma di gel contenuto all’interno di integratori in capsule.

O olio o integratori

Scegliere l’una o l’altra forma dipende anche dal tipo di impiego: per le affezioni della pelle e per i capelli, ad esempio, può essere indicato l’olio essenziale, che si può applicare localmente, ma in certi casi possono andar bene anche gli integratori. Gli integratori, in particolare, possono essere indicati per il trattamento delle infiammazioni e per la salute cardiovascolare.

L’acido linoleico contenuto nell’olio di borragine agisce in buona sostanza come un ormone (viene convertito in una prostaglandina) e come tale può ridurre gli stati infiammatori legati a particolari condizioni delle pelle o vascolari.

Sempre per quanto riguarda l’efficacia antinfiammatoria dell’olio di borragine, uno studio del 2014 ha trovato, comparando l’olio di borragine con l’olio di pesce, che prendere 1,8 grammi al giorno di olio di borragine e/o 2,1 grammi di olio di pesce riduceva i sintomi dell’artrite reumatoide in 74 pazienti tenuti sotto osservazione per 18 mesi.

Una meta-ricerca (una ricerca sulle ricerche) sull’uso topico dell’olio di borragine ha infine trovato che quest’olio può avere sia un’efficacia antiossidante che antiinfiammatoria nelle dermatiti atopiche.

Attenzione

Attenzione. Prima di assumere integratori all’olio di borragine o di usare l’olio per uso topico, consultate sempre il vostro medico. E soprattutto nel caso abbiate problemi di fegato o seguiate una terapia con anticoagulanti.

Queste idee valgono oro… Altro che lattine!