Marmellata veloce ai fichi fatta in casa con un ingrediente segreto

marmellata veloce ai fichi fatta 2

La marmellata veloce ai fichi è una leccornia di fine estate dal sapore autunnale.

Semplicissima da realizzare, si presta a numerosi abbinamenti e vi permette di conservare tutto il gusto di questi frutti deliziosi.

Nella nostra ricetta specialissima, è previsto l’utilizzo di zucchero grezzo e un ingrediente segreto: un bicchiere di aceto. Con questo stratagemma il sapore eccessivamente dolce di fichi verrà stemperato a tutto vantaggio di un equilibrio perfetto di aromi e profumi.

Pronta meno di due ore a dispetto dei tempi lunghissimi di queste ricette, è classificata tra le preparazioni speady, ma ricordate di servirvi sempre e solo di barattoli sterili. Fateli bollire per mezz’ora almeno in una pentola colma di acqua, aperti. Sbollentate i coperchi e lasciate asciugare il tutto all’aria prima di iniziare la preparazione di questa confettura.

Curiose di sapere come procedere? Iniziamo!

marmellata veloce ai fichi fatta 2

Marmellata veloce ai fichi: ingredienti e preparazione

Per questa ricetta procuratevi:

  • zucchero di canna, 1 kg
  • fichi freschi bianchi o neri, 3 kg
  • acqua, 1 bicchiere
  • aceto, 1 bicchiere

Lavate bene i frutti, tagliate il picciolo e divideteli a metà senza togliere la buccia.

Sistemateli in un tegame largo e capiente, aggiungete lo zucchero, l’aceto e l’acqua, amalgamate bene. Poneteli sul gas, accendete il fuoco e portate ad ebollizione, con il coperchio inserito.

Rigirate con un cucchiaio di legno di tanto in tanto. Cuocete per un’ora almeno, togliete il coperchio e proseguite per un’altra mezz’ora ancora. Quando avrete raggiunto la consistenza desiderata, spegnete la fiamma.

Trasferite la marmellata ancora bollente nei vasetti, richiudeteli e posizionateli a testa in giù.

Fateli raffreddare completamente, quindi bolliteli a bagnomaria per 20 minuti ancora per creare il sottovuoto e scongiurare la formazione di agenti patogeni nocivi per la salute.

LEGGI ANCHE:  Quadratini di sfoglia con prosciutto, spinaci e formaggio: che bontà!

Conservateli fino a due anni in un luogo fresco, lontano da fonti di luce e calore.

La resa finale è una conserva cremosa, non eccessivamente dolce, ricca di golosi pezzi di frutta.

Abbinatela come preferite: per farcire crostate e biscotti, per accompagnare salumi e formaggi, per arricchire lo yogurt.

Buon appetito!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...