melatonina

Melatonina per dormire: effetti collaterali

Melatonina per dormire: endogena o da integratori

Prima di vedere quali possono essere i possibili effetti collaterali che possono derivare da un uso di integratori di melatonina, è buona cosa ricordare che questo ormone è prodotto naturalmente dell’organismo umano.

La melatonina, dunque, è un ormone solubile nei grassi che viene prodotto dalla ghiandola pineale (o epifisi).

La pineale è una ghiandola endocrina (che secerne all’interno del corpo) che è normalmente presente nel cervello dei vertebrati.

La sua funzione è regolare il ciclo sonno-veglia.

È in seguito alla sua liberazione nelle ore serali, infatti, che avvertiamo la sensazione di sonnolenza che ci coglie alla fine della giornata.

Nelle 24 ore i livelli plasmatici di melatonina variano assai.

Sono per lo più molto bassi quando c’è luce, ma con l’arrivo del buio la concentrazione nel plasma comincia a salire e si tiene alta per tutta la notte.

Melatonina per dormire: gli integratori di melatonina

Oggigiorno sempre più persone prendono integratori di questo ormone per alleviare l’insonnia e altri disturbi del riposo.

Le statistiche ci dicono che i maggiori consumatori sono gli ultracinquantenni e le persone che fanno lavori che le costringono a un ciclo sonno-veglia alterato (per esempio i panettieri).

Come tutti i farmaci, anche la melatonina contenuta negli integratori può avere effetti collaterali.

Questi sono ovviamente più comuni nei consumatori abituali, mentre tendono a essere sporadici nelle persone che prendono la melatonina solo ogni tanto.

Melatonina: gli effetti collaterali

Tra gli effetti collaterali comuni della melatonina, possiamo ricordare i seguenti:

Sonnolenza diurna

Cefalea

Vertigini

 

Effetti collaterali poco comuni possono essere invece:

tachicardia

depressione

psicosi

disturbi del movimento

aumento della pressione

ansia

irrequietezza

secchezza del cavo orale

astenia

infiammazioni cutanee

ittero (pelle e occhi gialli)

mal di pancia

reazioni allergiche

Effetti collaterali piuttosto rari possono essere infine questi:

diminuzione della libido

variazioni dell’umore

svenimenti

calo delle piastrine e del sodio nel sangue

sete anomala

crampi muscolari notturni

Naturalmente, se doveste notare uno qualunque di questi sintomi, consultate subito il vostro medico di famiglia.

Queste idee valgono oro… Altro che lattine!