Pandoro farcito: la ricetta

Pandoro farcito: la ricetta di natale!

Arriva Natale e per tutti si pone il dilemma: pandoro o panettone? C’è anche chi non sceglie e li gusta tutti e due, ma c’è anche chi ha preferenze ben radicate.

Se siete della scuola di pensiero per cui per voi Natale vuol dire pandoro, qui di seguito vi offriamo la ricetta per prepararne uno farcito davvero sfizioso.

La farcia che vi proponiamo è alla crema diplomatica, con un tocco di eleganza dato da una guarnizione fatta di ribes e mirtilli.

Preparare questa vera e propria torta di Natale non è difficile: il “trucco” sta nel ricostruire il pandoro con una messa in scena “architettonica” non difficile ma di grande effetto.

Pandoro farcito per Natale: gli ingredienti

Gli ingredienti che vi servono sono questi (dosi per 10 persone; preparazione 30 minuti; cottura 15; circa 800 calorie per porzione): un pandoro da un chilo; 30 grammi di ribes, 30 grammi di mirtilli; per la crema diplomatica: 250 grammi di latte intero, 180 grammi di panna fresca liquida, tre tuorli d’uovo, 75 grammi di zucchero, 20 grammi di zucchero a velo, mezzo baccello di vaniglia, 25 grammi di amido di mais (maizena).

Pandoro con la farcia: la preparazione

Per preparare il pandoro farcito bisogna cominciare dalla farcia, ovvero la crema diplomatica. Innanzitutto preparate la crema pasticcera riscaldando il latte in un pentolino con la metà di un baccello di vaniglia e i suoi semi.

In una ciotola sbattete con la frusta il tuorlo e lo zucchero dopodiché aggiungete l’amido di mais; potete anche adoperare amido di riso o fecola di patate (stessa quantità).

Togliete la bacca dal latte e poi versate il latte riscaldato sul composto, a filo, amalgamando al contempo con la frusta.

LEGGI ANCHE:  Il dolce facile senza forno: la crème caramel di formaggio al sentore di limone

A questo punto riportate sul fuoco e mescolate senza interruzione fino a che la crema non si addensa.

Trasferite la crema pasticcera in una ciotola e fate in modo che si raffreddi del tutto a temperatura ambiente, dopodiché la riponete in frigo coprendola con un foglio di pellicola trasparente (a contatto).

Per la panna. Versate la panna liquida ben fredda nella tazza di una planetaria che abbia la frusta. In alternativa potete usare uno sbattitore elettrico.

Il punto è che in entrambi i casi dovete montarla: quando la panna avrà raggiunto la giusta corposità aggiungete lo zucchero a velo setacciato e unitelo alla panna servendovi di una spatola.

Quando la crema pasticcera è fredda, poco alla volta unite la crema chantilly. Le due creme vanno stemperate con una frusta fino a ottenere una massa spumosa, liscia e compatta. A questo punto mettete la crema in una sac-à-poche con bocchetta a stella.

Adesso prendete il pandoro e lo tagliate a fette nel senso della larghezza per ricavarne fette dello spessore di un due centimetri. Poi prendete un piatto da portata e adagiate la fetta della base, farcite con la crema diplomatica che avete preparato al centro e andate avanti con la fetta seguente.

Abbiate cura di alternare le punte, se no l’effetto scenografico è perduto.

Farcite ancora con la crema e proseguite alternando gli strati in modo da ricostruire il pandoro. Le punte le potete decorare con ciuffi di crema.

Infine guarnite con ribes e mirtilli collocandoli sui ciuffi di crema di cui sopra.

Il tocco finale è una spolverata di zucchero a velo prima di servire in tavola

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...