Patatine croccanti al forno, gustose ma leggerissime: ecco il trucco

Patate croccanti al forno: gustose eppure leggere.

Il pesce e le verdure a molte persone non piacciono, ma le patate sono uno di quei cibi che ricevono un’approvazione diciamo pure ecumenica. Insomma, piacciono assolutamente a tutti.

E piacciono a tutti cucinate in tutti i modi possibili, ovvero al forno, fritte, bollite, arrosto.

Detto in altro modo, sono uno degli ingredienti più appetitosi e versatili che ci siano. E pensare che per un sacco di tempo in Europa furono riservate all’alimentazione degli animali!

Originaria delle Ande, la patata fu domesticata dagli Inca nella regione del lago Tititaca. Quella popolazione precolombiana ne sviluppò un gran numero di varietà per adattarla ai diversi climi che si potevano incontrare nei loro territori.

I primi europei a conoscere la patata furono i conquistadores spagnoli, in Perù. In Europa arrivò intorno alla metà del Cinquecento: la prima menzione che se ne fa in Spagna risale al 1573.

Coltivata nei giardini botanici, come si ricordava appena sopra a lungo la sua importanza nell’alimentazione umana fu davvero marginale, dato che veniva considerata un cibo adatto soprattutto agli animali.

Si diceva dei tanti modi in cui possiamo gustare le patate. Ebbene, seppure tutti sfiziosi, non tutti però sono anche salutari (soprattutto le patatine fritte, com’è abbondantemente noto).

Come tutti sanno, fritte sono tutt’altro che leggere. Qui sotto ti mostriamo come puoi prepararle in maniera sana, ma senza rinunciare al gusto.

Patatine croccanti al forno: la ricetta

Gli ingredienti sono questi: mezzo chilo di patate, un cucchiaio di olio extravergine di oliva, sale quanto basta.

Come procedere

Pulisci con cura le patate, sbucciale e tagliale a fette non troppo grosse. A questo punto le immergi nell’acqua fredda per almeno un quarto d’ora. Dopodiché le scoli e le metti in una marmitta che avrai colmato con dell’acqua fredda e salata.

LEGGI ANCHE:  Polpette di manzo all'orientale: un gusto assolutamente da provare!

Quando l’acqua accenna a prendere bollore devi togliere la pignatta dal fuoco, dopodiché devi scolare le patate e lasciarle freddare. Va sottolineato che le patate non devono bollire, basta che siano scottate.

Adesso trasferisci le patate in una scodella piuttosto ampia con un cucchiaio d’olio. Mescola bene, le patate devono prendere l’olio in modo uniforme.

Per la cottura la scelta migliore, la più sana, è quella in forno. che dovrà durare per circa una mezzora a una temperatura di 200 gradi.

 

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...