Perché e quando lavare il riso: alcuni consigli

come e quando lavare il riso

Perché e quando lavare il riso: alcuni consigli.

Il riso è un alimento meraviglioso. Lo si può preparare in tanti modi diversi. È buono anche solo in bianco con un filo d’olio d’oliva ed uno degli ingredienti più adatti al cosiddetto “finger food”. E naturalmente è l’ingrediente principale dei fantastici arancini siciliani.

Tutto questo lo sappiamo, ma quel che forse non tutti sappiamo e se il riso va lavato prima di cucinarlo oppure no.

Ebbene, qui di seguito vediamo di rispondere proprio a questo interrogativo.

Perché e quando lavare il riso: alcuni consigli

In generale lavare il riso è indicato per quanti soffrono di reflusso gastroesofageo, soprattutto quando il riso lo sia abbina a un secondo.

Se per esempio al riso si affianca un secondo di carne, per questioni di digestione nello stomaco si determina un ambiente fortemente acido, il che nei soggetti predisposti può determinare il fastidioso reflusso gastrico.

In questi casi, per eliminare questo spiacevole inconveniente, può essere opportuno lavare il riso per liberarlo dall’amido in eccesso. Dopo averlo lavato, il riso sarà più morbido, più leggero, più digeribile.

Come va lavato il riso?

Il modo migliore per lavare il riso è versarlo in uno scolapasta che andrà collocato sopra una pentola piena d’acqua fredda. Il riso va lavato sotto un getto di acqua corrente e smosso con le mani, per eliminare eventuali impurità, dopodiché va scolato e sciacquato ancora fino a che non appare ben pulito.

Lavarlo sempre?

No, a meno che, come detto, non si soffra di condizioni come la gastrite o il reflusso gastroesofageo. Questo perché, quando si lava il riso, si elimina parte dell’amido e un riso con poco amido rimane meno cremoso.

LEGGI ANCHE:  Rete da pesca: 18 idee strepitose per il tuo arredamento

Inoltre è consigliabile lavarlo con alcuni tipi particolari di riso o per alcune preparazioni, per esempio quando si tratta del basmati o quando si cucina il pilaf. È inoltre consigliabile lavarlo quando si preparano le classiche insalate di riso estive.

Andrebbero sempre lavati, infine, il riso jasmine, il riso thai, il riso nero e il riso rosso. Se invece si tratta del nostro tipico riso da risotto, per esempio il Carnaroli o l’Arborio, mai lavarlo.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...